• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/10682    l'Istituto nazionale del dramma antico rimane una eccellenza nazionale e internazionale della cultura classica;    vanno realizzati tutti gli interventi economici,...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-10682presentato daZAPPULLA Giuseppetesto diGiovedì 23 febbraio 2017, seduta n. 747

   ZAPPULLA. — Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo . — Per sapere – premesso che:
   l'Istituto nazionale del dramma antico rimane una eccellenza nazionale e internazionale della cultura classica;
   vanno realizzati tutti gli interventi economici, istituzionali, culturali e politici adeguati a salvaguardare il ruolo e il profilo di eccellenza culturale;
   per la città di Siracusa e l'intera Sicilia rappresenta uno strumento fondamentale per la promozione di politiche del turismo e di valorizzazione del patrimonio monumentale, archeologico e paesaggistico;
   le inchieste egregiamente sviluppate dalla procura della Repubblica di Siracusa sulla gestione sull'Inda hanno posto ombre inquietanti sulla trasparenza e sulla regolarità gestionale;
   il Ministro interrogato avviò, anche a seguito di esplicita e formale richiesta dell'interrogante, una indagine ispettiva che si concluse con la decisione di nominare il dottor Pier Francesco Pinelli, commissario straordinario dell'istituto per un periodo di 12 mesi. Tale decisione non fu condivisa sia dall'interrogante che da buona parte del mondo politico e culturale della città di Siracusa, in quanto l'Istituto avrebbe avuto bisogno di una rigorosa gestione e dell'eventuale individuazione di responsabilità pregresse, anziché di un indistinto commissariamento e del protrarsi della situazione di precarietà;
   il commissario si è insediato il 17 febbraio 2015 con il mandato prioritario di definire le proposte di modifica dello statuto;
   non è stata offerta alla città possibilità concreta e formale di conoscere dettagliatamente le proposte di modifica definite e avanzate dallo stesso commissario;
   come auspicato pubblicamente dall'interrogante e su richiesta formale di diversi consiglieri comunali della città di Siracusa, è stato convocato un consiglio comunale aperto cittadino. In tale assise sono giunte da parte del sindaco generiche rassicurazioni sul contenuto delle proposte statutarie e sul futuro dell'Inda;
   in data 12 gennaio 2017, in risposta all'atto n. 5-09841, il Ministro interrogato ha precisato che le suddette proposte statutarie sono state comunicate alla regione siciliana e al sindaco di Siracusa il 17 novembre 2016 e che sarebbero state approvate entro il 4 febbraio 2017 con conseguente conclusione della gestione commissariale;
   al contrario, si è appreso che la gestione commissariale sarebbe stata prorogata per ulteriori 6 mesi;
   allo stesso tempo, destano preoccupazione le indiscrezioni che vedrebbero l'Inda inserita in una ampia riforma dell'intero settore del teatro, con il conseguente rischio di centralizzazione del destino dell'istituto e di svuotamento e mortificazione del ruolo della città di Siracusa e della Sicilia;
   timori che sembrano confermati, ad avviso dell'interrogante, dalla genericità e dalla parzialità della risposta fornita il 12 gennaio 2017 alla citata interrogazione n. 5-09841;
   è fondamentale che l'Inda esca al più presto dalla gestione commissariale favorendo il pieno subentro degli organismi statutari in grado di elaborare, programmare e realizzare le azioni, le iniziative e i progetti giusti per un necessario salto di qualità –:
   quali siano i motivi che hanno portato alla proroga del mandato commissariale, nonostante le rassicurazioni fornite in data 12 gennaio 2017 e se tale proroga possa intendersi come l'ultima;
   se non ritenga necessario fornire alla città di Siracusa ogni elemento utile circa l'attività commissariale e la sua efficacia;
   se non ritenga necessario individuare una sede di confronto con le istituzioni locali e regionali e con le rappresentanze del mondo culturale e sociale della città di Siracusa, al fine di un'attenta verifica della gestione commissariale e del futuro dell'Inda. (5-10682)