• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/03949 presso la rete diplomatico-consolare italiana nel mondo, la prenotazione dell'appuntamento per il disbrigo di pratiche amministrative è una prassi consolidata. Tale procedura, da diversi anni,...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-03949presentato daFARINA Giannitesto diMartedì 11 marzo 2014, seduta n. 187

GIANNI FARINA, FEDI, LA MARCA, PORTA e GARAVINI. — Al Ministro degli affari esteri. — Per sapere – premesso che:
presso la rete diplomatico-consolare italiana nel mondo, la prenotazione dell'appuntamento per il disbrigo di pratiche amministrative è una prassi consolidata. Tale procedura, da diversi anni, si può ordinariamente realizzare solo on line, salvo sporadici casi;
per fissare un appuntamento con il consolato generale d'Italia di Londra, ad esempio, un utente deve esclusivamente procedere con la prenotazione on line;
per poterlo fare l'utente deve seguire le indicazioni riportate sul sito del consolato generale d'Italia di Londra, che qui si trascrivono in dettaglio:
«Per accedere al servizio la prima volta l'utente dovrà registrarsi fornendo i dati personali ed una casella di posta elettronica (quest'ultima è imprescindibile).
Alla casella indicata l'utente riceverà una e-mail di conferma della registrazione, in modo da poter attivare la propria utenza ed accedere al sistema di prenotazione on-line (avvertenza: se la casella è del tipo gratuito – per es. Yahoo, Hotmail, Terra, Gmail, ecc. – è possibile che la e-mail di conferma pervenga dopo varie ore, oppure che venga spostata nelle cartelle “posta non desiderata” o “spam”, pertanto si consiglia di controllare queste cartelle)»; «una volta ricevute le credenziali l'utente potrà accedere al sistema mediante il suo utente/password, cliccando successivamente su “Login”, «l'utente dovrà poi selezionare “l'Ufficio di competenza”»;
«Attenzione: per prenotare l'appuntamento, cliccare sul nome dell'Ufficio prescelto e NON sulla busta bianca in corrispondenza, che consentirà unicamente di inviare una email alla Sede»; «dato che il sistema è automatico – ovvero non esiste un operatore – è necessario che l'utente gestisca direttamente il suo account personale. L'operatore consolare non può forzare il sistema. È da tenere presente che per motivi operativi e di gestione interna, la possibilità di inserimento delle richieste di appuntamento nel calendario viene mantenuta disponibile in un intervallo determinato per tipologia di servizio (da 30 giorni a 90 giorni, con estensione quotidiana di tale intervallo)»;
«Qualora non vi siano date disponibili («verdi»), ma solo rosse o nere, ciò non significa un malfunzionamento del sistema»;
«Il sistema “Prenota Online” sblocca alle ore 23 (ORE UK) la prima data successiva all'intervallo. Stante l'elevata richiesta, i posti disponibili possono esaurirsi in un breve intervallo di tempo a partire dalle 23. Qualora pertanto non si trovino date disponibili nel calendario, è necessario attendere il giorno successivo e riprovare»;
«Si consiglia inoltre di ricontrollare frequentemente in caso vengano aggiunti ulteriori appuntamenti o in caso di cancellazioni di appuntamenti»;
«NB: il buon funzionamento del sistema di appuntamenti online dipende molto sia dal corretto inserimento delle richieste da parte degli interessati, sia dal fondamentale rispetto per le esigenze di altre persone che si trovano in situazione analoga. Al fine di fornire un servizio sempre più vicino alle giuste aspettative degli utenti si pregano pertanto i connazionali di cancellare in ogni circostanza tutti gli appuntamenti considerati non più necessari»;
tale dettagliata e precisa serie di istruzioni, incluse le ipotesi sulle colorazioni delle caselle, se da un lato lascia presumere una notevole esperienza sui problemi di gestione del sistema, dall'altro indica, ad avviso degli interroganti, una consapevolezza della incapacità del sistema di gestire sia il volume delle richieste che la loro analisi qualitativa –:
quale immediata azione si intenda intraprendere per rafforzare il sistema degli appuntamenti online, anche con soluzioni alternative, comunque tali da soddisfare le esigenze degli utenti dei servizi consolari, particolarmente nel Regno Unito e nelle realtà territoriali dove sono presenti molti nostri connazionali, quale Bedford;
se non s'intendano rafforzare competenze e capacità di intervento dei consoli onorari dislocati sul territorio consentendo, ad esempio, il prelievo delle minuzie ai fini del rilascio del passaporto biometrico, soluzione questa praticata da altre diplomazie, che renderebbe il sistema sicuramente più efficiente. (4-03949)