• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/10829    la Artoni Trasporti spa, con sede legale a Reggio Emilia, è una delle più importanti realtà italiane nel settore dei trasporti e della logistica integrata che vanta oltre 13.000 aziende...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-10829presentato daCHIMIENTI Silviatesto diMercoledì 15 marzo 2017, seduta n. 760

   CHIMIENTI, SPADONI, TRIPIEDI, CIPRINI, COMINARDI, DALL'OSSO e LOMBARDI. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali . — Per sapere – premesso che:
   la Artoni Trasporti spa, con sede legale a Reggio Emilia, è una delle più importanti realtà italiane nel settore dei trasporti e della logistica integrata che vanta oltre 13.000 aziende clienti e 7 milioni di spedizioni l'anno. Mediante una rete di 70 filiali sul territorio nazionale, garantisce una vasta gamma di servizi per il trasporto merci nazionale ed internazionale, progetta e realizza soluzioni di logistica e di gestione della supply chain;
   il 12 gennaio 2017, mediante un comunicato stampa, la Artoni Trasporti annuncia la partnership con l'azienda Fercam di Bolzano per avviare una nuova fase di sviluppo nella distribuzione del collettame a livello nazionale e per affrontare al meglio le nuove sfide imposte dal mercato europeo nel settore dei trasporti e della logistica integrata;
   Anna Maria Artoni, vice presidente esecutivo e amministratore delegato della Artoni Trasporti, dichiara che la partnership con il gruppo Fercam «garantirà l'avvio di nuovi progetti e servizi sempre più idonei ed aggiornati per affrontare le sfide che caratterizzano l'attuale mercato, sempre più complesso, nonché far leva per la crescita e lo sviluppo futuro»;
   in un primo tempo la Fercarm spa, comunica di voler integrare tutti i dipendenti del settore trasporti di Artoni, mentre il 14 febbraio 2017 propone di procedere con l'affitto del ramo di azienda trasporti di Artoni assumendo solo 400 dipendenti su 560;
   nella tarda serata del 14 febbraio 2017 azienda bolzanina diffonde una nota intitolata: «Non va in porto l'operazione Fercam-Artoni» in cui dice che «non è stato possibile convincere i sindacati della bontà della proposta, che prevedeva incentivi in aggiunta all'indennità di disoccupazione. L'accordo sindacale era tra le condizioni essenziali per poter procedere nella trattativa»;
   i lavoratori di tutte le filiali italiane della Artoni Trasporti hanno scioperato, manifestando contro la fine della trattativa con la Fercam, e il rischio di esubero per tutti i 580 dipendenti e quasi 2500 tra esterni, padroncini privati, e fornitori –:
   se il Ministro interrogato intenda promuovere al più presto, per quanto di competenza, un tavolo di lavoro con le società di cui in premessa per recuperare l'accordo iniziale e salvaguardare il mantenimento delle condizioni di lavoro di oltre 3000 lavoratori. (5-10829)