• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/03579 BORIOLI, CHITI, Stefano ESPOSITO, FAVERO, Elena FERRARA, FISSORE, FORNARO - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e dello sviluppo economico - Premesso che nei giorni scorsi le...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-03579 presentata da DANIELE GAETANO BORIOLI
mercoledì 15 marzo 2017, seduta n.785

BORIOLI, CHITI, Stefano ESPOSITO, FAVERO, Elena FERRARA, FISSORE, FORNARO - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e dello sviluppo economico - Premesso che nei giorni scorsi le organizzazioni sindacali di categoria e la Federazione nazionale della stampa hanno informato diversi parlamentari, tra cui gli interroganti, della grave decisione adotta dalla proprietà del gruppo di emittenti televisive "Telecity", "Italia 8" e "Telestar" di voler avviare le procedure di licenziamento collettivo di 69 lavoratori, ovvero del 60 per cento circa dei dipendenti attualmente occupati presso tali emittenti, concentrati nelle province di Milano, Torino, Genova e Alessandria;

considerato che:

la notizia è fortemente allarmante, sia per il numero elevato di lavoratori che coinvolge, sia perché, sempre secondo quanto riportato da fonti sindacali, la proprietà non intenderebbe far ricorso agli ammortizzatori sociali, abdicando sostanzialmente ad ogni possibile e serio progetto di ristrutturazione;

sempre da fonti sindacali si apprende, inoltre, che in concomitanza dei licenziamenti, la proprietà intenderebbe procedere alla chiusura delle sedi Torino e Genova e che a tutt'oggi ai lavoratori non è stato ancora corrisposto il 50 per cento della tredicesima mensilità 2016 e il 50 per cento dello stipendio di gennaio 2017;

considerato che la decisione adottata dalla proprietà, oltre alle evidenti e pesanti ricadute sul piano occupazionale, preoccupa fortemente anche per gli inevitabili, pesanti riflessi, che avrebbe sul diritto all'informazione dei cittadini, considerato il ruolo di primaria importanza che tali emittenti svolgono a favore delle comunità locali per le quali da anni rappresentano un punto di riferimento importante;

considerato che la profonda crisi aziendale che ha interessato le 3 emittenti del circuito Telecity come anche le altre emittenti del più grande circuito "7 Gold", di cui il gruppo Telecity è parte, da quanto si apprende, sarebbe stata determinata principalmente dalla mancata erogazione dei contributi dovuti delle istituzioni pubbliche, ivi compreso il Ministero dello sviluppo economico,

si chiede di sapere:

se quanto riportato in premessa risulti corrispondere al vero e, in caso affermativo, quali urgenti iniziative di competenza il Governo intenda adottare per salvaguardare gli attuali livelli occupazionali delle tre emittenti televisive Telecity, Italia 8 e Telestar;

quale sia l'entità dei contributi statali dovuti e non ancora erogati a Telecity, Italia 8, Telestar, la ragione della mancata erogazione di tali contributi e i tempi previsti per l'erogazione di quanto dovuto e non ancora corrisposto alle stesse emittenti;

se come richiesto dalle organizzazioni sindacali e dalla Federazione nazionale stampa italiana, il Governo abbia convocato, o intenda convocare un tavolo di crisi presso il Ministero dello sviluppo economico, al fine di individuare ogni possibile soluzione, volta a salvaguardare i livelli occupazionali, a ripristinare il rispetto delle norme contrattuali con particolare riferimento alla gestione di ferie e permessi e il pagamento della tredicesima e del restante 50 per cento della mensilità di gennaio e a riaprire il confronto sul rilancio editoriale di un presidio di informazione di primaria importanza per le comunità locali.

(3-03579)