• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/07236 D'AMBROSIO LETTIERI - Ai Ministri dell'interno e per gli affari regionali - Premesso che, a quanto risulta all'interrogante: la trasmissione "Le Iene", andata in onda lo scorso 19 marzo...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-07236 presentata da LUIGI D'AMBROSIO LETTIERI
mercoledì 22 marzo 2017, seduta n.790

D'AMBROSIO LETTIERI - Ai Ministri dell'interno e per gli affari regionali - Premesso che, a quanto risulta all'interrogante:

la trasmissione "Le Iene", andata in onda lo scorso 19 marzo 2017, ha svelato un orribile giro di prostituzione minorile nel parcheggio dello stadio di Bari;

a seguito dell'inchiesta giornalistica, gli inquirenti avrebbero avviato un'indagine per sfruttamento della prostituzione minorile e, contestualmente, i servizi sociali di Bari sarebbero intervenuti per affidare i bambini, soprattutto di nazionalità bosniaca, a strutture protette;

premesso che:

un'altra indagine, basata sulla stessa ipotesi di reato, sarebbe stata avviata circa un anno fa, senza portare ad alcun riscontro investigativo;

il sindaco di Bari, nonché presidente dell'Anci, avrebbe affermato che "da oltre un mese la Polizia municipale con i servizi sociali ha allontanato i primi bambini dalla strada e dalle famiglie che probabilmente li sfruttavano" ("la Repubblica", edizione di Bari, del 20 marzo 2017);

tale affermazione, se non smentita, confermerebbe che gli orrori commessi sui bambini rom nella città di Bari erano noti alle autorità cittadine ben prima della messa in onda dell'inchiesta de "Le Iene";

considerato che all'interrogante risulterebbe che gli operatori sociali preposti alle operazioni necessarie per il trasferimento dei bambini rom in strutture protette sarebbero solo 2;

considerato, inoltre, che:

il Parlamento, attualmente, sta procedendo all'esame del disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 14 del 2017, recante "Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città";

detto decreto, in particolare, introduce la possibilità, per il sindaco, di adottare ordinanze contingibili e urgenti in relazione alla necessità di realizzare interventi per prevenire e contrastare le situazioni che favoriscono l'insorgere di fenomeni criminosi o di illegalità, quali lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, eccetera;

preso atto che, a giudizio dell'interrogante i fatti verificatisi nella città di Bari dovrebbero essere oggettivamente contrastati con urgenza e in maniera efficace, anche attraverso l'adozione di misure ad hoc, che avrebbero dovuto essere tempestivamente poste in essere dal primo cittadino,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo intendano intervenire con urgenza, ciascuno per quanto di competenza, al fine di conseguire tempestivamente, senza ulteriori indugi, il trasferimento in strutture protette dei minori sfruttati, presenti nei campi rom della città di Bari;

se risultino i motivi per i quali, pur essendo a conoscenza della notitia criminis, le autorità locali non abbiano posto in essere detto trasferimento in tempi più rapidi;

se risulti il numero dei minori ad oggi ospitati nei campi rom presenti nella città di Bari;

se risulti il numero dei minori ad oggi allontanati dai campi rom presenti nella città di Bari per essere trasferiti nelle strutture protette;

se risulti il numero degli operatori sociali preposti al trasferimento dei minori in strutture protette e se detto numero risulti essere congruo;

se risultino i motivi per i quali alcune aree della città di Bari siano completamente al di fuori di qualunque controllo di legalità;

se risulti che il sindaco di Bari abbia posto in essere le opportune iniziative atte a contrastare i fenomeni di prostituzione riportati, anche alla luce delle disposizioni contenute nel decreto-legge sulla sicurezza nelle città;

se i Ministri in indirizzo condividano le iniziative poste in essere dalle autorità locali nelle circostanze descritte e, in caso contrario, se intendano persuadere le stesse a intraprendere nuove e diverse iniziative di contrasto al fenomeno della prostituzione minorile nella città di Bari;

se e quali iniziative intendano porre in essere con urgenza, per far sì che siano effettuati controlli mirati sulle comunità rom presenti nella città di Bari;

se e quali iniziative, anche legislative, intendano assumere, in generale, per contrastare con maggiore efficacia il fenomeno della prostituzione minorile.

(4-07236)