• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02756/049/ ... premesso che: i recenti eventi sismici che hanno colpito numerosi Comuni nelle Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo, hanno pesantemente danneggiato, naturalmente, anche le infrastrutture...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2756/49/05 presentato da SERENELLA FUCKSIA
martedì 4 aprile 2017, seduta n. 722

Il Senato,
premesso che:
i recenti eventi sismici che hanno colpito numerosi Comuni nelle Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo, hanno pesantemente danneggiato, naturalmente, anche le infrastrutture scolastiche;
ciò ha causato l'inagibilità di gran parte degli istituti, a cui se ne aggiungono molti altri che, pur se non lesionati gravemente, necessitano di interventi di ripristino;
la situazione preoccupa la popolazione, i dirigenti scolastici, il personale e i genitori. Molti studenti, per la maggior parte tra i 3 e i 13 anni, sono costretti a estenuanti viaggi in bus dagli alberghi della costa ai Comuni di residenza dove sono state allestite tensostrutture o container;
ciò non facilità l'opera auspicata e in parte realizzata di salvaguardare dell'unità e dell'identità delle comunità già molto provate dal terremoto, e non aiuta l'opera di insegnamento e di apprendimento che è necessario garantire;
nonostante le criticità sopra descritte, anche quest'anno, nel mese di maggio si terranno le prove del Sistema Nazionale per la Valutazione del Sistema dell'Istruzione (Invalsi), cioè i test standardizzati nazionali per la rilevazione degli apprendimenti, che vengono somministrati nelle classi seconde e quinte delle primarie, prime e terze delle secondarie di primo grado e in tutte le secondarie di secondo grado;
i test preparati dall'Invalsi servono a valutare il livello di preparazione degli alunni italiani, in italiano e matematica;
se è vero che le prove forniscono alla cittadinanza, e ai decisori politici, i dati generali sul funzionamento della scuola, in particolare il grado di competenze raggiunto dagli studenti in due grandi aree, la comprensione di un testo e la padronanza della matematica in situazioni concrete, a cui si aggiungono informazioni utili alle scuole e ai fruitori del servizio scolastico perché dal risultato delle prove emergono informazioni che rendono possibili valutazioni sul piano didattico, confronti e migliorie, da un altro punto di vista esse rappresentano un gravame che, nella situazione di eccezionalità ed emergenza, comporta più oneri che benefici;
la situazione di particolare eccezionalità è dimostrata dal fatto che nelle scuole dei comuni colpiti dal sisma l'anno scolastico sarà valido anche con meno di 200 giorni di attività didattiche effettivamente svolte, come meritoriamente previsto dal testo sottoposto al nostro esame,
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di sospendere il procedimento di valutazione delle istituzioni scolastiche primarie, secondarie di primo e di secondo grado mediante lo svolgimento delle prove Invalsi, per all'anno scolastico 2016/2017, nei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, interessati dalla crisi sismica iniziata il 24 agosto 2016.
(0/2756/49/5)
FUCKSIA