• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/16225    il concorso a posti e cattedre per il personale docente previsto dalla legge n. 107 del 13 luglio 2015 prevedeva un totale di 63.712 posti da assegnare nel corso del triennio...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-16225presentato daCRIMÌ Filippotesto diVenerdì 7 aprile 2017, seduta n. 776

   CRIMÌ, CAROCCI, SENALDI, MALISANI, LENZI, GHIZZONI, CARNEVALI, SGAMBATO, AMATO, ROCCHI, LODOLINI, GRIBAUDO e GALPERTI. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca . — Per sapere – premesso che:
   il concorso a posti e cattedre per il personale docente previsto dalla legge n. 107 del 13 luglio 2015 prevedeva un totale di 63.712 posti da assegnare nel corso del triennio 2016/2018;
   la procedura del concorso aveva carattere regionale e prevedeva tre bandi: uno per i docenti della scuola dell'infanzia e della primaria, un secondo rivolto ai docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado e infine un terzo bando per i docenti di sostegno. Un concorso che puntava sul merito, sul riconoscimento del percorso svolto e sulla qualità;
   ad oggi non si è ancora provveduto all'immissione giuridica in ruolo per tutti i vincitori di concorso (inizialmente prevista per settembre 2016) e risultano, inoltre, in alcune regioni, procedure concorsuali ancora non concluse;
   i vincitori di concorso si trovano nella paradossale situazione alle volte di essere titolari di una cattedra di sostegno o addirittura di non accedere ad una supplenza quando alcuni docenti di seconda e terza fascia non vincitori al concorso risultano avere più punteggio e quindi diritto ad una supplenza curricolare;
   il concorso docenti 2016 e le conseguenti graduatorie di merito rischiano di essere poi totalmente inutili se non venisse riconosciuta la precedenza ai vincitori di concorso per il prossimo triennio 2017-2020, in attesa dell'immissione in ruolo;
   si rischia, inoltre, di attribuire dei punteggi a corsi su tecnologie digitali (ad esempio Lim – lavagna interattiva multimediale) o a certificazioni linguistiche e nessun punteggio ai vincitori del concorso più selettivo della storia della scuola italiana;
   si rischia pertanto di commettere una grave ingiustizia non tutelando adeguatamente i vincitori del concorso 2016 –:
   se non intenda procedere rapidamente alla conclusione delle procedure concorsuali in tutte le regioni e altresì, quali, iniziative intenda assumere per garantire che le assunzioni di tutti i vincitori del concorso 2016 avvengano nel triennio previsto;
   se non intenda, inoltre, adottare iniziative volte a garantire un adeguato vantaggio per le supplenze annuali ai vincitori del concorso del 2016, anche tramite l'attribuzione di un punteggio specifico per le graduatorie, in vista dell'aggiornamento delle graduatorie di istituto. (4-16225)