• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/07399 CERONI - Ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti e dello sviluppo economico - Premesso che, per quanto risulta all'interrogante: da notizie di stampa si apprende della difficile...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-07399 presentata da REMIGIO CERONI
giovedì 20 aprile 2017, seduta n.811

CERONI - Ai Ministri delle infrastrutture e dei trasporti e dello sviluppo economico - Premesso che, per quanto risulta all'interrogante:

da notizie di stampa si apprende della difficile situazione in cui versa l'impresa Sandro Baldini di Camerano, in provincia di Ancona, a causa della chiusura al traffico pesante, da parte della società Autostrade, del cavalcavia sulla A14, che conduce alla sede della ditta;

tale decisione sarebbe stata adottata a causa del rischio di nuovi incidenti, in quanto il cavalcavia si trova vicino al cavalcavia n. 167, tra Ancona e la zona sud di Loreto, crollato il 9 marzo 2017, provocando la morte dei coniugi Diomede;

il divieto di transito per la citata impresa, che si occupa di movimentazione di terra, trattazione di materiali edili e inerti e che svolge la propria attività lavorativa prevalentemente con mezzi pesanti, determinerà, nel breve periodo, la sua chiusura, stante l'impossibilità di proseguire i lavori, avendo un unico accesso;

l'impresa è attiva da circa 50 anni e, malgrado la difficile congiuntura economica, è un'azienda sana, con 15 dipendenti;

nei giorni scorsi sono iniziate le vibrate proteste dei lavoratori dell'impresa, i quali sostengono che, essendo il cavalcavia in ottime condizioni, lo stesso necessiterebbe soltanto di verifiche tecniche che ne accertino la stabilità e quindi la possibile percorrenza da parte dei mezzi pesanti;

considerato che a giudizio dell'interrogante sarebbe inaccettabile, anche qualora il cavalcavia dovesse risultare non idoneo al passaggio di mezzi pesanti, optare per la chiusura, costringendo l'impresa al fallimento, anziché provvedere immediatamente ad effettuare i dovuti interventi per garantirne la stabilità e il giusto funzionamento,

si chiede di sapere se i Ministri in indirizzo, ciascuno per le proprie competenze, siano a conoscenza di quanto esposto in premessa e quali urgenti iniziative intendano intraprendere, per riportare la viabilità del cavalcavia alla normalità, al fine di tutelare un'impresa, che, altrimenti, sarebbe destinata alla chiusura, facendo perdere il lavoro a 15 dipendenti.

(4-07399)