• Testo INTERPELLANZA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.2/01782    secondo quanto riportato da diverse fonti giornalistiche, nei giorni scorsi è stata organizzata la manifestazione «Cannabis Parade», ossia una manifestazione nazionale...



Atto Camera

Interpellanza urgente 2-01782presentato daVITO Eliotesto diMartedì 2 maggio 2017, seduta n. 787

   I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro dell'interno, per sapere – premesso che:
   secondo quanto riportato da diverse fonti giornalistiche, nei giorni scorsi è stata organizzata la manifestazione «Cannabis Parade», ossia una manifestazione nazionale antiproibizionista per la depenalizzazione dell'utilizzo ludico e medico della Cannabis, che si è svolta nel centro di Torino ed organizzata dal centro sociale del Gabrio, dall'area «dissidenti» e dal circuito di Radio Blackout;
   durante la suddetta manifestazione, sarebbe stata lanciata una provocazione da parte di alcuni attivisti anarchici: in particolare, sul furgone di altoparlanti portato in corteo lungo il percorso è stato simulato, sulla parte anteriore del mezzo, l'investimento di due fantocci raffiguranti agenti del reparto mobile della polizia, che rappresenta il personale impiegato in genere nei servizi di ordine pubblico (manifestazioni, cortei, incontri sportivi);
   la messa in scena dell'incidente dei «poliziotti-fantoccio» ha condotto, da un lato, la Digos ad avviare tempestivamente un'indagine per identificare gli autori di tale gesto e, dall'altro lato, a forti proteste da parte dei sindacati di polizia –:
   se e quali iniziative di competenza il Governo intenda adottare per chiarire i termini della grave vicenda esposta in premessa, nonché al fine di predisporre gli opportuni accorgimenti, anche tramite la predisposizione di maggiori controlli da parte delle autorità competenti, finalizzati a prevenire che in futuro si possano verificare simili rappresentazioni allegoriche che, nel simboleggiare il decesso di agenti delle forze dell'ordine, rappresentano una mancanza di rispetto nei confronti delle forze di polizia che presidiano l'ordine e la sicurezza di tutti i cittadini italiani e che, per tale ragione, non possono essere tollerate.
(2-01782) «Vito, Brunetta, Palmizio».