• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/16663    dalla stampa si è appreso, nei giorni scorsi, che il capitano del nucleo operativo ecologico dei carabinieri (N.O.E.), Gian Paolo Scafarto, sarebbe stato interrogato dai pubblici...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-16663presentato daMORANI Alessiatesto diVenerdì 19 maggio 2017, seduta n. 800

   MORANI. — Al Ministro della giustizia . — Per sapere – premesso che:
   dalla stampa si è appreso, nei giorni scorsi, che il capitano del nucleo operativo ecologico dei carabinieri (N.O.E.), Gian Paolo Scafarto, sarebbe stato interrogato dai pubblici ministeri della procura di Roma, che lo avrebbero iscritto nel registro degli indagati per il reato di falso ideologico e falso materiale in relazione ad una informativa nell'ambito dell'inchiesta cosiddetta «Consip» da lui redatta il 9 gennaio 2017: «mamma mia pure questo» sarebbe stata l'esclamazione che avrebbe utilizzato il capitano del Noe durante l'interrogatorio l'ufficiale del Noe Gianpaolo Scafarto all'ennesimo errore fatto notare dai magistrati della procura di Roma;
   molti, infatti, sarebbero, sempre secondo quanto riportato dalla stampa, gli errori all'interno del capitolo 17, quello riguardante i servizi segreti: avrebbe, infatti, riferito ai pubblici ministeri della procura di Roma, il capitano del N.O.E.: «Debbo riferire che la necessità di compilare un capitolo specifico, inerente al coinvolgimento di personaggi legati ai servizi segreti, fu a me rappresentata come utile direttamente dal dottor Woodcock che mi disse testualmente: “al posto vostro farei capitolo autonomo su tali vicende” che io condivisi»;
   quelle riportate sarebbero solo alcune delle dichiarazioni in merito alla vicenda trattata rilasciate da Scafarto durante l'interrogatorio: se, venissero confermate e rispondessero al vero si verrebbe a comporre un quadro decisamente grave e inquietante, secondo cui potrebbe essere stato il pubblico ministero Woodcock a suggerire a Scafarto un capitolo sul coinvolgimento dei servizi nella vicenda Consip, poi rivelatosi del tutto privo di fondamento;
   sono invece del 18 maggio 2017 le notizie, pubblicate in un articolo a firma di Francesco Grignetti, che riferiscono di intercettazioni riguardanti proprio lo stesso Scafarto, che avrebbe, testualmente detto, a proposito degli «errori» della sua informativa, al telefono con un collega: «L'omissione contestata è una scelta investigativa precisa che ho condiviso anche con Woodcock», riferendosi alla principale delle contestazioni cui deve rispondere, ossia di avere prospettato alla procura di Roma che c'erano degli agenti dei servizi segreti a seguirli nelle attività di polizia, «e non, come ormai era loro chiaro, un cittadino qualsiasi che si era trovato nella strada dove l'imprenditore Alfredo Romeo ha gli uffici e che banalmente cercava parcheggio»;
   nell'articolo in questione si riferisce di «Un clima avvelenato che non risparmia i rapporti tra le procure di Roma e Napoli. L'intercettazione del colloquio tra Matteo Renzi e il babbo Tiziano, i pm romani l'hanno conosciuta solo leggendo il “Fatto quotidiano”. E c’è odore di sgambetto quando la procura di Napoli chiede e ottiene da un gip di intercettare il telefonino di Tiziano Renzi, a marzo, dopo che questa tranche dell'inchiesta da due mesi era finita nella Capitale ed erano stati i pm romani ad avere indagato il «babbo» per traffico di influenze. Reato minore, peraltro, che a rigore di procedura non permetterebbe l'uso di intercettazioni, e che neppure permetterà, in futuro, la trasmigrazione di questa intercettazione da Napoli a Roma» –:
   se il Ministro interrogato non ritenga, nell'ambito delle proprie competenze, di doversi adoperare, in particolare tramite l'esercizio dei propri poteri ispettivi, affinché venga fatta luce sulla vicenda così come esposta in premessa, la quale, se corrispondesse al vero, delineerebbe un quadro quantomeno decisamente inquietante, anche perché coinvolge rappresentanti dello Stato che rivestono ruoli delicati e strategici. (4-16663)