• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/04444-A/041    premesso che:     il decreto legislativo n. 50 del 2016 (Nuovo Codice degli appalti), all'articolo 211 interviene sui pareri di precontenzioso dell'ANAC relativamente a...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/04444-A/041presentato daZACCAGNINI Adrianotesto diMercoledì 31 maggio 2017, seduta n. 807

   La Camera,
   premesso che:
    il decreto legislativo n. 50 del 2016 (Nuovo Codice degli appalti), all'articolo 211 interviene sui pareri di precontenzioso dell'ANAC relativamente a questioni insorte durante lo svolgimento delle procedure di gara;
    nell'aprile scorso, durante l'esame in Consiglio dei ministri dello schema di decreto legislativo relativo a disposizioni integrative e correttive al suddetto decreto legislativo n. 50 del 2016, successivamente approvato (decreto legislativo n. 56 del 2017), era stato «inopinatamente» soppresso il comma 2 del citato articolo 211, che consentiva all'ANAC di intervenire immediatamente senza attendere la magistratura, che per le indagini su eventuali irregolarità – casi di corruzione ma non solo – ha bisogno ovviamente di tempi più dilatati;
    anche in conseguenza delle proteste sollevate dalla soppressione di questo comma 2, il Governo si era impegnato a ripristinarlo; durante l'esame in Commissione Bilancio del provvedimento, con un emendamento del Governo è stata ripristinata, seppure con diverse sensibili modifiche, la suddetta norma soppressa con il decreto legislativo n. 56 del 2017;
    una delle differenze tra la versione originaria del comma 2, e il testo riproposto nel provvedimento in esame, è che l'ANAC, è autorizzata ad intervenire solamente se i contratti sono «di rilevante impatto», e che vengano riscontrate «gravi» violazioni da parte della stazione appaltante,

impegna il Governo

   a valutare gli effetti applicativi delle disposizioni di cui alle premesse e ad adottare ulteriori iniziative normative volte ad apportare le necessarie modifiche al testo di cui in premessa, al fine di prevedere che l'ANAC venga autorizzata ad intervenire anche se i contratti non sono «di rilevante impatto», ritenendo invece sufficiente ritenere che violino le norme in materia di contratti pubblici a prescindere che siano contratti importanti o meno;
   a prevedere una modifica al testo al fine di prevedere che l'ANAC per agire, non è necessario che riscontri gravi violazioni da parte della stazione appaltante, ma è sufficiente che riscontri comunque delle violazioni, a prescindere dalla gravità delle stesse.
9/4444-A/41. Zaccagnini, Zaratti, Kronbichler, Formisano, Zappulla.