• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/04368/037     premesso che il provvedimento, frutto dell'accorpamento in un unico testo di tre progetti di legge già approvati dalla Camera e di una pluralità di disegni di legge di iniziativa di...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/04368/037presentato daFICO Robertotesto diMercoledì 14 giugno 2017, seduta n. 813

   La Camera,
    premesso che il provvedimento, frutto dell'accorpamento in un unico testo di tre progetti di legge già approvati dalla Camera e di una pluralità di disegni di legge di iniziativa di senatori, prevede una serie di interventi tutti riferiti al diritto penale sostanziale e processuale, nonché all'ordinamento penitenziario; in particolare, oltre a numerose novelle al codice penale e di procedura penale, esso reca l'attribuzione al Governo di deleghe per la riforma del regime di procedibilità per taluni reati, la revisione delle misure di sicurezza, il riordino di alcuni settori del codice penale, la revisione della disciplina del casellario giudiziale, la riforma della disciplina delle intercettazioni, delle impugnazioni penali, dell'ordinamento penitenziario e delle spese di giustizia;
    rilevato che al comma 84, la delega al Governo enumera i principi e criteri direttivi, uniformemente orientati verso una severa restrizione della possibilità di raccolta, utilizzo, pubblicità e divulgazione delle stesse, quali: garantire la riservatezza delle comunicazioni; intervenire sulle modalità di utilizzazione cautelare dei risultati delle intercettazioni; dettare una precisa scansione procedimentale all'udienza di selezione del materiale intercettativo, e che in tale ambito procedimentale, dovrà essere tutelata in particolare la riservatezza delle comunicazioni e delle conversazioni delle persone «occasionalmente coinvolte» e delle comunicazioni asseritamente «non rilevanti» a fini di giustizia penale;
    considerato che si tratta di disposizioni sostanzialmente volte a far sì che il magistrato chiamato a selezionare le intercettazioni destinate al deposito alla fine delle indagini preliminari – e successivamente messe a disposizione della difesa e dei giornalisti –, sia messo nella condizione di dover valutare con estrema cautela quale materiale sia «irrilevante», «non pertinente» o «estraneo» all'accertamento dei fatti,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità, nell'ambito dell'esercizio della delega di cui al comma 84, lettera a), di precisare in maniera tassativa il requisito di irrilevanza ai fini di giustizia penale, connesso all'adozione di speciali misure di riservatezza, delle conversazioni telefoniche e telematiche oggetto di intercettazione.
9/4368/37. (Testo modificato nel corso della seduta) Fico, Ferraresi, Sarti, Agostinelli, Bonafede, Businarolo, Colletti.