• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02853/177/ ... in sede di esame dei disegno di legge di conversione del decreto-legge 24 aprile 2.017, n. 50, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2853/177/05 presentato da BACHISIO SILVIO LAI
martedì 13 giugno 2017, seduta n. 753

Il Senato,
in sede di esame dei disegno di legge di conversione del decreto-legge 24 aprile 2.017, n. 50, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo (A.s. 2853);
premesso che,
le nuove disposizioni in materia di detrazione IVA sui "veicoli stradali a motore" acquistati da operatori economici, alla luce delle indicazioni fornite dalla Corte di Giustizia Europea, prevedono la detrazione del 40 per cento dell'IVA al luogo del 10 o del 15 per cento;
in occasione di una cessione di "veicolo stradale a motore" da parte di un operatore economico che abbia detratto il 40 per cento dell'lVA, ad un concessionario che abbia per oggetto il commercio di autovetture usate, l'IVA esposta dal cedente viene calcolata solo sul 40 per cento del prezzo di vendita;
l'articolo 13, comma 4 del decreto del Presidente della repubblica n. 633 del 1972 prevede il principio di simmetria perle sole cessioni aventi ad oggetto beni per il cui acquisto o importazione il soggetto cedente abbia detratto l'IVA ai sensi dell'articolo 19-bis1 del del Presidente della repubblica n. 633 del 1972 in misura ridotta del 10 o 15 per cento;
manca tale previsione normativa riferita alla nuova percentuale di detraibilità dell'IVA per l'acquisto o l'importazione dei "veicoli stradali a motore" da parte degli operatori economici all'articolo 13, comma 4 del del Presidente della repubblica n. 633 del 1972;
considerato che,
la mancanza di una specifica disposizione normativa in tal senso fa venir meno il principio di simmetria per i concessionari che hanno per oggetto il commercio di autovetture usate, così come chiarito anche dall'Agenzia delle Entrate con la circolare 8/E del 13 marzo 2009, e che pertanto gli stessi concessionari si vedono costretti ad assoggettare ad IVA l'intero importo dell'acquisto o importazione del veicolo usato, anche quando il cedente ha detratto solo il 40 per cento dell'IVA ed abbia esposto nella fattura di vendita in conseguenza di ciò, il 40 per cento dell'IVA sul prezzo della vendita e non il 100 per cento dell'IVA sul prezzo di cessione;
in caso di acquisto del "veicolo stradale a motore" da parte del concessionario, lo stesso potrà portarsi in detrazione solo l'IVA esposta dal cedente, ossia il 40 per cento dell'intero importo della cessione;
la mancanza del principio di simmetria sopra richiamato costringe i concessionari nella successiva rivendita del bene acquistato ad applicare invece l'IVA sull'intero importo della rivendita e non solo sul 40 per cento, comportando per il concessionario stesso la perdita secca della differenza tra l'IVA applicata alla rivendita e l'IVA detratta all'atto d'acquisto;
impegna il governo:
a modificare l'articolo 19-bis1 del del Presidente della repubblica n. 633 del 1972 al fine di rendere omogenea l'applicazione della detrazione Iva sui veicoli stradali a motore anche in relazione all'acquisto o all'importazione dei medesimi da parte degli operatori economici all'articolo 13, comma 4 del del Presidente della repubblica n. 633 del 1972.
(0/2853/177/5)
LAI, ANGIONI, CUCCA