• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02853/024/ ... in sede di esame del-decreta-legge 24 aprile 2017, n. 50 recante Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2853/24/05 presentato da SILVANA ANDREINA COMAROLI
martedì 13 giugno 2017, seduta n. 753

Il Senato,
in sede di esame del-decreta-legge 24 aprile 2017, n. 50 recante Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppa;
premesso che:
al fine del contrastare all'evasione fiscale, il decreto in oggetto reca norme in materia di imposta sul valore aggiunto prevedendo, da un lato, all'articolo 1, l'estensione della split payment, e dall'altro, all'articola 2, la diminuzione dei tempi per la detrazione IVA. Si potranno quindi chiedere le detrazioni sala nella dichiarazione IVA relativa all'anno di ricezione della fattura (una fattura ricevuta nel 2017 deve essere registrata entra il termine della dichiarazione annuale dell'IVA, ossia entra il 30 aprile 2018), mentre la normativa precedente prevedeva che la detrazione poteva essere richiesta fina al termine ultima di presentazione della dichiarazione relativa 2º anno successivo;
allo stesso fine, l'articolo 3 del provvedimento in oggetto introduce disposizioni in materia di compensazioni, prevedendo la riduzione da 15.000 a 5.000 euro dell'importo al di sopra delle quale si può usufruire della compensazione salo attraversa vista di conformità a di dichiarazione sostitutiva dei revisori legali. Quindi c'è un aggravamento degli oneri per il contribuente, per evitare, da parte dell'amministrazione finanziaria, di liquidare indebite compensazioni da recuperare poi in futuro;
le suddette misure sono finalizzate a reperire maggiori risorse ai fini dell'intervento correttiva di circa 3,4 miliardi, pari allo 0,2 per cento del PiI, così come richiesta dalla Commissione europea in seguita all'esame della legge di bilancia 2017;
in questa contesto, si rende necessaria altresì coinvolgere anche gli enti territoriali nel recupero dell'evasione IVA, attribuendo, di conseguenza, alla singola regione, la quota di spettanza regionale nella percentuale individuata dalla rideterminazione della compartecipazione regionale all'imposta sul valore aggiunta di cui all'articolo 5, comma 1, del decreta legislativa 18 febbraio 2000, n. 56;
impegna il governo:
ad incentivare il ruolo attivo degli enti territoriali nella attività di recupero dell'evasione fiscale, così come prevista nella risoluzione approvata dal Parlamenta in merito al Documento di economia e finanza 2017, al fine di incrementare le entrate erariali e sostenere il contrasto all'evasione fiscale.
(0/2853/24/5)
COMAROLI