• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/01307 in Piemonte opera l'INALPI spa, uno dei più grandi polverizzatori di latte d'Italia e d'Europa, per la produzione di polvere di latte, utilizzando 18.000 tonnellate annue di latte di qualità...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Martedì 18 marzo 2014
nell'allegato al bollettino in Commissione X (Attività produttive)
5-01307

In premessa si fa presente che la risposta è resa sulla base degli elementi forniti dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas (di seguito AEEG), in relazione ai provvedimenti da essa emanati al fine di limitare il verificarsi dei disservizi causati da episodi d'interruzione della fornitura di energia elettrica.
Tali provvedimenti possono concretarsi nell'assunzione di misure d'indennizzo riconosciute ai clienti finali nel caso siano disattesi i livelli standard di qualità tecnica del servizio di distribuzione dell'energia elettrica, da parte delle imprese preposte all'erogazione di tale servizio.
Si precisa, inoltre, che la Direzione Generale competente del Ministero, attraverso l'AEEG, ha acquisito la documentazione con cui la società di distribuzione ha fornito risposta alla richiesta di chiarimenti inviata ad essa dallo «Sportello per il consumatore di energia».
In tale documentazione, detta società ha dichiarato che gli impianti che alimentano la fornitura della società INALPI S.p.A. sono stati interessati da interruzioni senza preavviso dovute a guasti di natura puramente accidentale, non imputabili, pertanto, a responsabilità del distributore.
L'impresa ha affermato, altresì, che non sono necessari interventi strutturali sulla linea elettrica in media tensione (MT) che alimenta la fornitura della società INALPI S.p.A. : ciò nonostante, è prevista la messa in opera, entro il primo semestre 2014, di una cabina secondaria che costituirà un'ulteriore fonte di controllo in caso di guasti sulla linea.
L'impresa di distribuzione ha, infine, asserito di essere disponibile, qualora la società INALPI S.p.A. lo ritenesse opportuno, a organizzare un incontro con i referenti tecnici del cliente, finalizzato a fornire ulteriori delucidazioni sui disservizi occorsi e sulle possibili iniziative atte a ridurre i disagi avvertiti.
Con riferimento al sistema di indennizzi automatici, predisposto dall'AEEG in materia di interruzioni della fornitura di energia elettrica, si fa presente che ciascuna impresa di distribuzione deve rispettare uno standard di tempo massimo di ripristino della fornitura di energia elettrica, differenziato secondo il grado di concentrazione territoriale e della tipologia di utenza (bassa tensione – BT o media tensione – MT), pena il riconoscimento e la corresponsione di un rimborso automatico al cliente finale. La situazione che riguarda le forniture in MT, come quella in esame, è riassunta nella tabella sinottica che si lascia in allegato alla risposta.
Dall'esame dell'elenco delle interruzioni avvenute presso la fornitura della società INALPI S.p.A., elaborato dal distributore territorialmente competente, emerge che nessuna di esse ha superato i valori stabiliti nella tabella citata e, pertanto, non sussisterebbero i presupposti per il riconoscimento di un indennizzo automatico nei confronti della società reclamante.
Con riferimento alla richiesta di risarcimento danni avanzata dalla società INALPI S.p.A., si fa presente che, ai sensi della normativa vigente, il soggetto competente a pronunciarsi sull'esistenza, sull'imputabilità e sulla quantificazione di eventuali danni, emersi a seguito di interruzioni di fornitura di energia elettrica, è esclusivamente l'autorità giudiziaria ordinaria (Giudice di pace o Tribunale, secondo la rilevanza economica del contenzioso). Il cliente può, altresì, far ricorso ad eventuali strumenti extra-giudiziali di risoluzione delle controversie (i.e. il servizio di conciliazione).

ALLEGATO ALLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE N. 5/01307 TARICCO

Tab. 9 – Standard per il tempo massimo di ripristino della fornitura (estratto)

(Fonte: AEEG «Testo Integrato della regolazione della qualità dei servizi di distribuzione e misura dell'energia elettrica» Allegato A – Tabella n. 9)