• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/17089    la C.S.A. (Consorzio servizi avanzati) è una società consortile a responsabilità limitata con sede e unità produttiva a Taranto e unità produttive anche a Bari, Lecce, Foggia,...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-17089presentato daPANNARALE Annalisatesto diMartedì 27 giugno 2017, seduta n. 821

   PANNARALE, FRATOIANNI e GINEFRA. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali . — Per sapere – premesso che:
   la C.S.A. (Consorzio servizi avanzati) è una società consortile a responsabilità limitata con sede e unità produttiva a Taranto e unità produttive anche a Bari, Lecce, Foggia, Potenza, Matera, Crotone;
   la C.S.A. è stata costituita, ai sensi dell'articolo 2, comma 2, della legge n. 580 del 1993, per iniziativa delle camere di commercio di Puglia e Basilicata e della società consortile di informatica delle camere di commercio «Infocamere», ed è interamente partecipata da camere di commercio di Puglia, Basilicata e Calabria;
   la C.S.A. svolge attività di assistenza e di sostegno alle camere di commercio consorziate, finalizzata al miglioramento qualitativo dei servizi erogati dalle stesse, in particolare sulla scorta di appalti « in house» nei settori informatico e facility management;
   la società conta un numero complessivo di 126 dipendenti, suddivisi in 22 operai, 101 impiegati, 3 quadri;
   per effetto di quanto previsto dall'articolo 28 del decreto-legge n. 90 del 2014, gli enti camerali hanno subito un taglio progressivo di risorse, nella misura del 35 per cento dal 2015, 40 per cento dal 2016, e 50 per cento a partire dal 2017; questo ha comportato per le camere di commercio una ridotta capacità di spesa e un conseguente calo delle richieste di attività e servizi resi in house dalla C.S.A;
   a quanto consta all'interrogante la contrazione dei servizi erogati avrebbe comportato per la C.S.A., con riferimento all'esercizio 2016, una perdita economica di oltre 200 mila euro, pari al 20 per cento del capitale sociale;
   il dimezzamento del diritto annuale, un tributo versato dalle imprese e sul quale si basa il sostentamento delle camere di commercio, ha limitato l'autonomia economico-finanziaria delle stesse, determinando criticità in relazione alla possibilità di mantenere e salvaguardare i servizi resi dal C.S.A. attraverso i suoi dipendenti;
   i dipendenti del C.S.A. rappresentano un elevato livello di professionalità ed esperienza a disposizione delle camere di commercio, che rischia di essere disperso –:
   quali iniziative il Governo intenda assumere o abbia già assunto, per quanto di competenza, per evitare che, a causa del taglio progressivo delle risorse derivante dal tributo versato dalle imprese, nonché dalla razionalizzazione delle sedi delle camere di commercio nella regione Puglia, si verifichi una riduzione dei livelli occupazionali per i dipendenti del C.S.A.
(4-17089)