• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03012-C/011    premesso che:     nell'ambito del disegno di legge in approvazione si sono discusse modifiche volte a rilanciare il mercato e la concorrenza net nostro Paese e, soprattutto al...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03012-C/011presentato daPLANGGER Albrechttesto diMercoledì 28 giugno 2017, seduta n. 822

   La Camera,
   premesso che:
    nell'ambito del disegno di legge in approvazione si sono discusse modifiche volte a rilanciare il mercato e la concorrenza net nostro Paese e, soprattutto al capo IX, si è cercato di strutturare al meglio quelle misure per incrementare la concorrenza nella distribuzione farmaceutica;
    nel mondo delle farmacie esiste una piccola realtà, quella delle farmacie rurali, anch'essa sottoposta alle leggi di mercato e di concorrenza ma al tempo stesso caricata di una responsabilità sociale che le altre farmacie non sempre hanno;
    le farmacie rurali, hanno un'importante funzione sociale, in quanto rappresentano spesso l'unico presidio sanitario esistente sul territorio, assicurando il servizio farmaceutico anche nelle zone rurali e nelle isole minori, al loro interno operano i professionisti laureati, a disposizione degli utenti 24 ore al giorno, 365 giorni l'anno, infatti, la farmacia è presente anche nelle zone prive di molti servizi pubblici, quali l'ufficio postale, le scuole, una caserma dei carabinieri;
    proprio nelle realtà rurali in carenza delle strutture pubbliche, il cittadino trova nel farmacista il sanitario in grado di assicurargli senza ritardo non solo tutti i medicinali di cui ha necessità, ma anche gli eventuali interventi di prima assistenza;
    il farmacista rurale, proprio per questo motivo, deve assicurare una disponibilità totale (di giorno, di notte, nelle giornate festive), per di più, vive una situazione imprenditoriale caratterizzata da un forte impegno sotto il profilo finanziario, in quanto, le difficoltà di rifornimento impongono la necessità di dotare la farmacia di ingenti scorte di medicinali per far fronte immediatamente alle richieste dei malati;
    nella Provincia Autonoma di Bolzano, l'Azienda sanitaria ha individuato, con un decreto (cfr. Decreto del Direttore ospedali di ripartizione n. 6964 del 27 maggio 2015), le farmacie con diritto allo sconto previsto dalla legge 28 dicembre 1995 n. 549 e della legge 23 dicembre 1996 n. 662, così facendo l'Azienda ha cambiato i parametri di riferimento e messo in difficoltà le piccole farmacie rurali che sono di particolare utilità proprio nelle zone disagiate, lontane dai centri urbani e delle strutture sanitarie pubbliche;
    questo nuovo calcolo del fatturato con i nuovi parametri ha avuto come risultato, che circa 10 farmacie (tra le quali 4 con presidi farmaceutici) devono ora applicare sconti all'azienda sanitaria da 6 per cento a 21,25 per cento anziché 1,5 per cento, ciò comporta una differenza annuale di circa euro 20.000,00 di fatturato per farmacia;
    questo importo non è indifferente per le ditte coinvolte e proprio nel caso dei presidi farmaceutici potrebbe portare alla loro chiusura;
    non da ultimo è da sottolineare che attualmente il dispensario farmaceutico gestito dalle farmacie, ai sensi dell'articolo 6 della legge 8 novembre 1991, n. 362, concorre al fatturato della farmacia principale andando anch'esso a gravare al conteggio per gli sconti a carico delle farmacie in favore del SSN,

impegna il Governo

nell'ambito degli interventi attuativi della legge sul mercato e la concorrenza, a valutare la possibilità di aggiornare gli importi relativi al fatturato delle farmacie, contenuti all'articolo 1, comma 40, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 e successive modificazioni, in base ad un conteggio basato sull'adeguamento degli indici Istat dal 1996 ad oggi, andando a modificare «a monte», il fatturato a carico del Servizio Sanitario Nazionale, e a valutare, al contempo, la possibilità di non far concorrere il fatturato del dispensario farmaceutico al fatturato della farmacia principale proprio per applicare quelle regole di mercato e concorrenza discusse.
9/3012-C/11. Plangger, Alfreider, Gebhard, Schullian, Ottobre, Marguerettaz.