• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/03838 VICARI - Ai Ministri delle politiche agricole alimentari e forestali e degli affari esteri e della cooperazione internazionale - Premesso che: l'Unione europea e la Cina, in data 2...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-03838 presentata da SIMONA VICARI
mercoledì 28 giugno 2017, seduta n.847

VICARI - Ai Ministri delle politiche agricole alimentari e forestali e degli affari esteri e della cooperazione internazionale - Premesso che:

l'Unione europea e la Cina, in data 2 giugno 2017, hanno convenuto di pubblicare formalmente un elenco di 200 indicazioni geografiche (IG) europee e cinesi, 100 per parte, la cui protezione sarà considerata nell'accordo bilaterale da concludersi entro il 2017;

le IG registrate ad oggi in Europa sono oltre 3.300 e sempre nella UE sono protetti anche altri nomi di 1.250 non comunitari, soprattutto grazie ad accordi bilaterali come quello con la Cina. In termini di valore, il mercato delle indicazioni geografiche della UE ammonta a circa 54,3 miliardi di euro e costituisce il 15 per cento delle esportazioni totali di prodotti alimentari e delle bevande;

con siffatto accordo si va quindi a tutelare l'importante flusso di esportazioni di prodotti agroalimentari europei verso la Cina e, di fatto, a rafforzare la cooperazione tra UE e mercato cinese, nata circa un decennio fa con il riconoscimento di protezione ai primi 10 prodotti IG per ogni parte. La pubblicazione della lista dei "200" è la naturale evoluzione di tale accordo bilaterale di cooperazione: una buona notizia per i produttori europei, dal momento che quello dell'agroalimentare cinese è uno dei mercati più grandi al mondo, con prospettive di ulteriore crescita, grazie ai gusti della nuova classe media, che sceglie sempre più spesso di consumare prodotti alimentari europei;

con la pubblicazione della lista dei "200" prende il via la procedura per proteggere da imitazioni e usurpazioni i prodotti elencati ed è ragionevole aspettarsi vantaggi commerciali reciproci, nonché una maggiore sensibilizzazione dei consumatori e una crescita della domanda di prodotti di alta qualità da entrambe le parti;

la pubblicazione degli elenchi fa parte della procedura standard e segna l'inizio di un periodo durante il quale le parti interessate possono presentare le loro osservazioni. Infatti, esse dispongono di due mesi di tempo, a partire dalla data della pubblicazione della lista, per formulare osservazioni su tutti i prodotti selezionati e, in caso, sollevare eventuali riserve rispettivamente alla UE o alle autorità cinesi;

il mercato cinese di prodotti agroalimentari è uno dei maggiori al mondo e cresce di anno in anno, sostenuto da una classe media in aumento, che apprezza le bevande e i prodotti alimentari europei, spesso in seguito a viaggi internazionali. Il Paese vanta, inoltre, una ricca tradizione in materia di indicazioni geografiche proprie, molte delle quali ancora in gran parte sconosciute ai consumatori europei e la cui diffusione dovrebbe tuttavia aumentare grazie all'accordo;

considerato che:

la lista dei 100 prodotti IG europei include 26 eccellenze italiane;

tra tali 26 prodotti italiani destinati al riconoscimento e alla specifica protezione nel mercato cinese, si registra un solo prodotto tipico delle regioni del meridione d'Italia; infatti, l'unica eccellenza proveniente dalle produzioni tradizionali meridionali, inclusa nella lista dei 100 prodotti europei, è la mozzarella di bufala campana;

in altre parole, se l'elenco delle denominazioni italiane, iscritte nel registro delle denominazioni di origine protette, delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite, secondo il regolamento (UE) n. 1151/2012, è composto per circa il 33 per cento da prodotti meridionali, questi ultimi rappresentano appena il 3,8 per cento del totale dei prodotti italiani ricompresi nella lista dei 100 prodotti UE;

moltissime produzioni locali di cui si può fregiare il Sud, qualitativamente eccellenti e rinomate nel mondo, rischiano di rimanere senza alcuna tutela da contraffazioni, imitazioni e abusi nel vastissimo mercato cinese: il riferimento va, ad esempio, all'olio d'oliva pugliese, a cui è stato preferito quello greco o austriaco, alle arance tarocco, al pistacchio di Bronte, alla cipolla rossa di Tropea, al limone della costiera amalfitana, al pomodoro di Pachino e alle importanti produzioni vinicole, come il Marsala o il Primitivo di Manduria, a cui sono stati preferiti alcuni vini tedeschi;

tenuto conto che:

l'accordo bilaterale tra Unione europea e Cina ignora e quindi penalizza pesantemente i prodotti del sistema produttivo ed economico meridionale, che proprio sulla commercializzazione delle sue eccellenze enogastronomiche fonda una parte consistente dei propri ricavi;

le piccole e medie aziende agricole meridionali, produttrici di eccellenze internazionalmente riconosciute, rischiano di rimanere escluse da un circuito virtuoso in cui i consumatori del mercato cinese, dando fiducia al sistema europeo di certificazione dell'origine e della qualità, saranno disposti a pagare un prezzo più alto per i prodotti riconoscibili e certificati;

secondo alcune testate online sarebbe già pronta una seconda lista, ad integrazione della prima, contenente ulteriori 162 IG europee da proteggere. Tra queste compaiono 5 IGP siciliane: DOC vino Sicilia, il pomodorino di Pachino, l'arancia rossa di Sicilia, il cappero di Pantelleria, il vino di Marsala,

si chiede di sapere:

quali siano stati i criteri seguiti nello stilare l'elenco dei 26 prodotti italiani inclusi nell'accordo UE-Cina sulla tutela dalle contraffazioni dei prodotti agroalimentari e che hanno portato all'esclusione di tutti i prodotti delle regioni del Mezzogiorno, ugualmente rappresentativi e a marchio IGP, ad eccezione della mozzarella di bufala;

se non ritengano opportuno attivarsi nelle sedi europee ed internazionali ritenute più idonee, e, nell'eventualità, con quali azioni operative, a partire dalla finestra temporale di 2 mesi prevista dalla procedura negoziale e destinata all'invio di osservazioni su tutti i prodotti selezionati, al fine di rivedere la composizione e il numero dei prodotti IG italiani tutelati ed includere almeno le più importanti e caratterizzanti eccellenze agroalimentari tipiche del Mezzogiorno d'Italia;

se siano fondate le notizie apprese online circa l'esistenza di una seconda lista e, in caso affermativo, quante siano le IGP italiane incluse, quante quelle del Mezzogiorno e quali siano stati i criteri seguiti per la loro selezione;

se non ritengano opportuno garantire un processo di comunicazione e confronto maggiormente inclusivo di tutti i soggetti interessati;

se e con quale cadenza le liste dei prodotti verranno integrate o modificate.

(3-03838)