• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/17249    secondo il nuovo codice degli appalti i contratti secretati sono quelli «al cui oggetto, atti o modalità di esecuzione è attribuita una classifica di segretezza» e quelli «la cui...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-17249presentato daARTINI Massimotesto diLunedì 10 luglio 2017, seduta n. 830

   ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, SEGONI e TURCO. — Al Presidente del Consiglio dei ministri . — Per sapere – premesso che:
   secondo il nuovo codice degli appalti i contratti secretati sono quelli «al cui oggetto, atti o modalità di esecuzione è attribuita una classifica di segretezza» e quelli «la cui esecuzione deve essere accompagnata da speciali misure di sicurezza, in conformità a disposizioni legislative, regolamentari o amministrative»;
   il nuovo codice degli appalti ha delineato l'ambito degli appalti secretati, esclusi dall'applicazione dello stesso, comprendendo quelli aggiudicati secondo particolari regimi che riguardano i contratti di lavori, servizi e forniture la cui stipulazione avviene, senza procedura di gara ordinaria, sulla base di esigenze connesse alla segretezza dell'oggetto del contratto (articolo 17), di norme internazionali (accordi o procedure particolari) (articolo 18), e di sponsorizzazioni (articolo 26);
   gli appalti secretati sono dunque quelli destinati esclusivamente all'attività: della Banca d'Italia; delle forze armate o dei corpi di polizia; degli enti aggiudicatori di cui alla parte III (settori speciali); dell'amministrazione della giustizia; dell'amministrazione finanziaria;
   i contratti secretati sono eseguiti da operatori economici in possesso dei requisiti previsti dal codice degli appalti e del nulla osta di sicurezza, ai sensi e nei limiti di cui all'articolo 42, comma 1-bis, della legge n. 124 del 2007 e sulla cui regolarità e legittimità la Corte dei conti, tramite un proprio ufficio organizzato, deve esercitare il controllo preventivo;
   la Corte dei conti, nella relazione fatta al Parlamento il 16 giugno 2017 sull'attività di controllo relativa alla legittimità e alla regolarità dei contratti secretati, tramite il proprio Ufficio, ha accertato, quanto ai requisiti del soggetto aggiudicatario di un contratto, «che ricorreva nella specie una forma di incapacità giuridica dell'operatore economico in presenza di informativa antimafia» e che, conseguentemente, l'amministrazione ha ritenuto di ritirare il contratto secretato –:
   quali elementi intenda fornire in relazione a quanto esposto in premessa, come sia stato possibile che sia stato attribuito al soggetto aggiudicatario di cui in premessa un appalto in un settore così delicato da necessitare della secretazione e quali iniziative intenda intraprendere per evitare il ripetersi di quelli che appaiono agli interroganti gravissime irregolarità. (4-17249)