• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/04565-A/129    premesso che:     con comunicato stampa del 9 gennaio 2017 Banca Popolare di Vicenza ha annunciato l'avvio di un'iniziativa di conciliazione transattiva rivolta agli azionisti...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/04565-A/129presentato daMORETTO Saratesto diMercoledì 12 luglio 2017, seduta n. 832

   La Camera,
   premesso che:
    con comunicato stampa del 9 gennaio 2017 Banca Popolare di Vicenza ha annunciato l'avvio di un'iniziativa di conciliazione transattiva rivolta agli azionisti che hanno investito in azioni dell'istituto negli ultimi 10 anni; l'offerta pubblica di transazione prevede un riconoscimento economico pari a 9 euro per ogni azione acquistata tramite una banca del Gruppo Banca Popolare di Vicenza a partire dal 1o gennaio 2007 e sino al 31 dicembre 2016, al netto delle vendite; il riconoscimento è erogato a fronte della rinuncia dell'azionista a qualsiasi pretesa in relazione all'investimento in (o mancato disinvestimento di) titoli azionari Banca Popolare di Vicenza, titoli che rimangono comunque di proprietà dell'azionista;
    contestualmente Banca Popolare di Vicenza ha costituto un fondo, per complessivi 30 milioni di euro, a sostegno degli azionisti che versano in condizioni disagiate e riservato esclusivamente agli azionisti che rientrano nel perimetro dell'offerta di Transazione e che rinunciano ad azioni risarcitorie; l'iniziativa si basa sulla consapevolezza della presenza di situazioni di impoverimento e grave disagio sociale che coinvolgono alcuni azionisti risparmiatori dell'istituto;
    il 9 aprile 2017 Banca Popolare di Vicenza ha reso noto che a tale offerta hanno aderito 66.770 azionisti, pari al 71,9 per cento del totale e portatori del 68,7 per cento delle azioni comprese nell'offerta di Transazione;
    analogamente a quanto disposto da Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca ha disposto un'iniziativa di conciliazione transattiva, mediante un'Offerta di Transazione con un indennizzo forfettario ed onnicomprensivo pari al 15 per cento della perdita teorica sofferta in conseguenza degli acquisti di Azioni Veneto Banca (al netto delle vendite effettuate e dei dividendi percepiti) avvenuti nel periodo compreso tra il 1o gennaio 2007 ed il 31 dicembre 2016, a fronte della rinuncia dell'azionista a promuovere azioni legali;
    il Consiglio di Amministrazione di Veneto Banca ha inoltre deliberato la costituzione di un Fondo di solidarietà di 30 milioni di euro per sostenere i Soci che versano in comprovate situazioni di particolare disagio socio-economico, rivolto ai medesimi destinatari dell'offerta Pubblica di Transazione;
    Veneto Banca ha visto aderire all'offerta 54.374 azionisti, equivalenti al 72,6 per cento del totale, portatori del 67,6 per cento delle azioni comprese nel perimetro dell'offerta di Transazione;
    successivamente alla scadenza delle due offerte, le banche venete hanno rinunciato alla sospensiva sul raggiungimento dell'80 per cento delle adesioni all'offerta di transazione ai soci, così come originariamente previsto;
    i ristori destinati ai soci che hanno aderito alle richiamate offerte di transazione, differentemente rispetto a quanto comunicato informalmente agli stessi dai due istituti proponenti, concorrono alla base imponibile dell'imposta sul reddito delle persone fisiche;
    come anche chiarito dal Governo in risposta ad alcuni atti di sindacato ispettivo, è invece esclusa senza eccezioni la tassazione degli indennizzi a persone fisiche disposti ai sensi del decreto-legge n. 59 del 2016 per i possessori di obbligazioni subordinate emesse da Banca Marche, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara e CariChieti,

impegna il Governo

a garantire che gli indennizzi erogati ai soci ai sensi delle offerte pubbliche di transazione presentate da Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca non siano in ogni caso soggetti ad azione revocatoria da parte dei commissari liquidatori intervenuti ai sensi del decreto-legge 25 giugno 2017, n. 99, e ad escludere le somme erogate ai soci che hanno aderito alle suddette offerte dalla base imponibile dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
9/4565-A/129. Moretto, Ginato, Sbrollini, Crivellari, De Menech, Miotto, Zan, Narduolo, Rubinato, Rotta, Rostellato, Crimì, Borghi, Marco Di Maio, Casellato.