• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/07802 COTTI, BERTOROTTA, BLUNDO, CAPPELLETTI, FATTORI, GAETTI, GIROTTO, LUCIDI, PAGLINI, PUGLIA - Al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri degli affari esteri e della cooperazione...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-07802 presentata da ROBERTO COTTI
mercoledì 12 luglio 2017, seduta n.856

COTTI, BERTOROTTA, BLUNDO, CAPPELLETTI, FATTORI, GAETTI, GIROTTO, LUCIDI, PAGLINI, PUGLIA - Al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri degli affari esteri e della cooperazione internazionale, dell'economia e delle finanze e della difesa - Premesso che:

il controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento è disciplinato dalla legge 9 luglio 1990, n. 185, modificata dal decreto legislativo 22 giugno 2012, n. 105, e integrata dal regolamento di attuazione, di cui al decreto ministeriale 7 gennaio 2013, n. 19;

il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale è responsabile della definizione degli indirizzi per le politiche degli scambi nel settore della difesa, delle direttive generali e delle attività di indirizzo, d'intesa con il Ministero della difesa, il Ministero dello sviluppo economico e con la Presidenza del Consiglio dei ministri;

il Ministero degli affari esteri, attraverso l'autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni di materiali di armamento) è competente al rilascio delle autorizzazioni e delle certificazioni per gli adempimenti inerenti alle materie, di cui alla legge 9 luglio 1990, n. 185, e successive modifiche e integrazioni, e svolge le funzioni in materia di controllo di Stato sulle importazioni, esportazioni e transiti dei materiali di armamento;

l'UAMA, più specificatamente, e fra l'altro, adotta atti di indirizzo, d'intesa con il Ministero della difesa, nelle materie di interesse di quest'ultimo; effettua l'attività di controllo nella fase preliminare e successiva all'esportazione dei materiali di armamento, anche attraverso verifiche ed ispezioni; esercita poteri di vigilanza, visitando le aziende con ispettori designati; irroga sanzioni; conclude accordi per le attività di istituto;

il Ministero dell'economia e delle finanze esercita un controllo sui trasferimenti bancari concernenti le operazioni in tema di armamenti, di cui all'art. 27-bis della legge n. 185 del 1990 e a tale scopo gli istituti di credito, entro 30 giorni dalla loro effettuazione, comunicano le transazioni avvenute;

il Ministero dell'economia acquisisce in via telematica dagli istituti di credito i dati relativi allo svolgimento di transazioni bancarie attinenti a operazioni di importazione, esportazione e transito di materiali di armamento che siano state preventivamente autorizzate dai Ministeri degli esteri e della difesa;

l'articolo 5 della legge n. 185 del 1990 prevede specifici obblighi di informazione al Parlamento in merito alle operazioni annualmente autorizzate e svolte in materia di esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento;

lo scorso 18 aprile, il Governo ha trasmesso al Senato la relazione sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento, relativa al 2016 (Doc. XVII, n. 5);

considerato che:

un articolo di stampa, pubblicato il 4 luglio 2017 da "lettera43", dal titolo "Export di bombe e banche: gli strani intrecci fra Rwm e Valsabbina", ha rivelato che la Rwm Italia SpA con sede legale a Brescia e attività di produzione armamenti a Domusnovas (Cagliari), ha acquisito azioni dell'istituto di credito bresciano banca Valsabbina;

la testata giornalistica attribuisce all'ultima relazione governativa sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento l'indicazione di un valore di intermediazione export d'armi superiore del 760 per cento rispetto all'anno precedente alla banca Valsabbina;

la banca Valsabbina avrebbe precisato che tale valore non corrisponde alla realtà;

per quanto riferito nell'articolo, il dato divulgato nella relazione, sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento relativa al 2016, sarebbe frutto di un mero errore materiale causato dal sistema informatico "Sigma" utilizzato per segnalare gli importi del commercio armato,

si chiede di sapere:

se il Governo sia a conoscenza dei fatti esposti;

se corrisponda al vero che la relazione sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento relativa al 2016 contenga un errore riguardo agli importi di intermediazione export armamenti attribuito alla banca Valsabbina e, nel caso, dove sia possibile rinvenire la comunicazione di rettifica;

se possa escludere che nella relazione siano stati riportati altri errori di identica fattispecie e, nel caso, in cosa consistano e come si intenda provvedere;

quali iniziative intenda assumere per assicurare la correttezza dei dati contenuti relazione sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento.

(4-07802)