• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/07820 CANDIANI - Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali - Premesso che, per quanto risulta all'interrogante: il signor S.S., in data 27 febbraio 2017, tramite il Caf di appartenenza,...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-07820 presentata da STEFANO CANDIANI
giovedì 13 luglio 2017, seduta n.859

CANDIANI - Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali - Premesso che, per quanto risulta all'interrogante:

il signor S.S., in data 27 febbraio 2017, tramite il Caf di appartenenza, presentava domanda di pensione di anzianità per addetti a lavori faticosi e pesanti alla sede Inps di Ancona, ufficio addetto a ricevere le domande dei lavoratori di Poste italiane SpA delle sedi umbre;

la stessa sede, a metà marzo 2017, confermava al richiedente il ricevimento e la regolarità della documentazione inviata, attestando che in data 1° giugno avrebbe ricevuto la pensione con i relativi importi arretrati spettanti;

una successiva comunicazione della medesima sede, di fine marzo, lo informava di un problema nella spedizione telematica della sua domanda alla sede centrale Inps di Roma;

da una serie di incontri che l'interessato ha avuto con gli addetti agli uffici di ricevimento al pubblico, recandosi personalmente nei mesi scorsi alla sede Inps di Ancona, è emerso che quest'ultima ha più volte sollecitato la sede romana per una soluzione del problema;

l'ultimo sollecito risale al 16 giugno, ma ancora l'interessato non ha avuto alcuna risposta e, nel mentre, si ritrova obbligato, fino al conseguimento della domanda, a pagare i contributi volontari trimestralmente, per un importo pari a 2.751,50 euro,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo non ritenga opportuno far luce sulla vicenda, verificando sull'ente vigilato le cause connesse al mancato dialogo tra sede centrale e sede territoriale dell'Inps;

se e quali misure intenda adottare affinché disguidi tecnici e lungaggini burocratiche non ricadano economicamente sui pensionandi.

(4-07820)