• Testo INTERPELLANZA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.2/01893    il 18 dicembre 2015 l'attuale Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, del PD, membro del Governo pro tempore, solennemente garantì alla Camera dei deputati e...



Atto Camera

Interpellanza 2-01893presentato daBIANCONI Mauriziotesto diMartedì 18 luglio 2017, seduta n. 836

   Il sottoscritto chiede di interpellare il Presidente del Consiglio dei ministri, per sapere – premesso che:
   il 18 dicembre 2015 l'attuale Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, del PD, membro del Governo pro tempore, solennemente garantì alla Camera dei deputati e all'intera nazione, la sua assoluta estraneità alla questione relativa alla Banca Etruria e del Lazio, una banca popolare con sede principale in Arezzo;
   nella provincia vive la famiglia della Sottosegretaria, il cui padre, già membro del consiglio di amministrazione dell'istituto in rappresentanza del mondo agricolo e delle cooperative, poco tempo dopo la nomina a Ministro della Repubblica della figlia, ne divenne vicepresidente;
   nel clima di polemica politica, in molti, ipotizzavano un interessamento dell'allora Ministro per le riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento nelle vicende della Banca del suo territorio, ma soprattutto interessava la posizione del padre impegnato a togliere l'istituto dalle «sabbie mobili» in cui si trovava e che sembravano coinvolgerlo, come poi è accaduto, anche personalmente. Il Ministro pro tempore, nel suo intervento, garantiva sulla «sua onestà», anzi «sfidava» i colleghi sull'argomento assicurando che non aveva favorito in alcun modo il padre vicepresidente dell'istituto, garantendo in caso contrario pronte dimissioni, a prescindere da avvisi di garanzia, iniziative giudiziarie o altro: «Non c’è alcun conflitto d'interessi, né favoritismo, né corsia preferenziale (...) non ho tutelato la mia famiglia (...) si dimostri che ho favorito (...) mi si dica che son venuta meno ai miei doveri istituzionali e sarò la prima a lasciare»;
   senonché un noto giornalista, direttore di quotidiani di assoluta rilevanza e prestigio, scrive in un suo libro di recente pubblicazione che le cose non sarebbero come la Sottosegretaria Boschi dichiarò in Parlamento. Il Ministro in realtà avrebbe «messo le mani» sulle questioni del padre (che si impegnava a fondo, come risulta da atti incontroversi, sulle iniziative per Banca Etruria), interpellando, per un intervento su Banca Etruria, l'amministratore delegato di un importante istituto nazionale. La smentita dell'allora Ministro Boschi veniva però posta nel nulla dall'ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che, non solo, ha scritto nel suo ultimo libro ma ha anche dichiarato a più riprese sui media a proposito dell'interessamento di Boschi sulle faccende di Banca Etruria che in quel periodo tutti si interessavano di banche;
   è poi emerso senza smentite, né precisazioni di sorta, che nel corso dell'anno 2014, in casa Boschi il Ministro, il di lei padre, l'allora presidente dell'istituto, l'ex deputato Dc, Fornasari, si riunirono insieme all'amministratore delegato di Veneto Banca per valutare nella massima riservatezza come, con l'appoggio del Governo, si potesse fare fronte alle richieste di Bankitalia;
   anche recenti dichiarazioni di esponenti politici di maggioranza riportate dai media hanno smentito il Ministro Boschi, sulla sua estraneità alle questioni di Banca Etruria;
   ancora, dalle intercettazioni telefoniche apparse sui media e relative ai colloqui telefonici del padre della Sottosegretaria Boschi si evincono frasi che sembrerebbero confermare un fitto dialogo in merito ai problemi di Banca Etruria e ad altre banche e ai relativi possibili interventi governativi –:
   se il Presidente del Consiglio sia a conoscenza dei fatti qui sommariamente esposti;
   se non ritenga, nel caso in cui emerga una concreta responsabilità del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, di invitarla a lasciare l'incarico di Governo, mantenendo fede alla parola data in Parlamento di fronte al popolo italiano;
   se non intenda, su questo impegnativo tema del comportamento e delle dichiarazioni della Sottosegretaria Maria Elena Boschi fornire urgentemente ogni utile ulteriore elemento.
(2-01893) «Bianconi».