• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03225-AR/0 ...    premesso che:     il provvedimento in esame si pone l'obiettivo di completare la riforma dei trattamenti di quiescenza di deputati e senatori avviata nel 2012 estendendo ai...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03225-AR/009presentato daMAESTRI Patriziatesto diMercoledì 26 luglio 2017, seduta n. 842

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame si pone l'obiettivo di completare la riforma dei trattamenti di quiescenza di deputati e senatori avviata nel 2012 estendendo ai parlamentari e ai consiglieri regionali il trattamento previdenziale vigente per i lavoratori dipendenti;
    la medesima necessità, anche se con finalità evidentemente opposte, si renderebbe necessaria anche nei confronti degli amministratori locali i quali se non già lavoratori autonomi ovvero dipendenti collocati in aspettativa non retribuita, non beneficiano oggi di alcuna copertura previdenziale per i periodi di esclusivo esercizio del mandato;
    la legge n. 267/2000 Testo Unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, all'articolo 86, ha infatti previsto che competa all'amministrazione locale l'onere del versamento dei contributi assistenziali, previdenziali e assicurativi ai rispettivi istituti con riferimento agli amministratori che ricoprono le cariche di sindaco, presidente di provincia, presidente di comunità montana, di unione di comuni e di consorzi fra enti locali, nonché con riferimento agli assessori provinciali e agli assessori dei comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti, ai presidenti dei consigli dei comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e ai presidenti dei consigli provinciali, lavoratori autonomi o che, lavoratori dipendenti, siano collocati in aspettativa non retribuita per lo svolgimento del mandato [...];
    la riforma della sopraccitata norma consentirebbe la più agevole partecipazione dei giovani e dei disoccupati alla vita politica, ma anche di sostenere quei lavoratori cui venisse meno l'occupazione durante il periodo dell'aspettativa, garantendo la copertura previdenziale e scongiurando quindi future penalizzazioni sulla pensione,

impegna il Governo

a farsi promotore di una riforma dell'articolo 86 del TUEL che, senza nuovi o maggiori oneri per lo Stato, consenta di assicurare un'adeguata copertura previdenziale agli amministratori locali, anche attraverso l'istituto del riscatto ovvero estendendo loro le disposizioni all'articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335.
9/3225-AR/9. Patrizia Maestri, Giacobbe, Marchi, Culotta, Carloni, Gasparini, Ribaudo, Borghi, Malisani, Romanini, Gnecchi.