• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/02860/010 premesso che: la maggior parte dei fondi europei sono assegnati alle regioni del Mezzogiorno; tra gli altri interventi, l'articolo 1 del provvedimento in esame, stanziando 1,25 miliardi...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/2860/10 presentato da SILVANA ANDREINA COMAROLI
mercoledì 26 luglio 2017, seduta n. 866

Il Senato,
premesso che:
la maggior parte dei fondi europei sono assegnati alle regioni del Mezzogiorno;
tra gli altri interventi, l'articolo 1 del provvedimento in esame, stanziando 1,25 miliardi di euro, promuove nuove iniziative imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno, coinvolgendo giovani che rientrano nella fascia di età compresa tra 18 e i 35 anni, che non abbiano un contratto di lavoro subordinato e che non abbiano finito già di incentivi pubblici rivolti all'autoimprenditorialità nel triennio antecedente la domanda di finanziamento;
con tale intervento si prevede di far nascere, nell'articolo di 4 anni, 100.000 nuovi imprenditori, attivando soggetti disoccupati o inoccupati, che potranno attivare ulteriori posizioni lavorative nelle imprese da essi create;
sarebbe necessario ottimizzare e velocizzare le procedure contabili per l'utilizzo di queste risorse al fme di accentuare gli effetti di sinergia fra le politiche strutturali e i fondi strutturali per la valorizzazione del territorio;
al contempo è importante valorizzare il ruolo il ruolo dell'Organismo strumentale per gli interventi europei già previsto dalla legge n. 208 del 2015;
impegna il Governo,
a valutare la possibilità di perfezionare la normativa in oggetto al fine di:
a) garantire tecnicamente dal punto di vista contabile i target della spesa europea dei fondi comunitari e dei rispettivi cofinanziamenti regionali, preservando l'omogeneità dei bilanci dettata dall'applicazione dei principi del decreto legislativo n. 118 del 20 Il;
b) valorizzare il ruolo dell'Organismo strumentale per gli interventi europei, già previsto dalla legge n. 208 del 2015, conferendo gli anche la possibilità di gestire le risorse del cosiddetto , "overbooking", al fine di consentire il pieno utilizzo dei fondi europei e gli aiuti aggiuntivi del PSR a totale carico dell'ente;
c) prevedere che, in fase di "start up", per dare maggior impulso alla spesa dei fondi comunitari, i trasferimenti regionali iniziali all'organismo strumentale non incidano sul saldo di finanza pubblica di cui al comma 466 della legge n. 232 del 2016;
d) limitare l'applicazione dell'articolo 2, comma 1, lettera e), del decreto ministeriale 4 agosto 2016 ai soli programmi di cooperazione territoriale, con la possibilità di utilizzo delle partite di giro.
(numerazione resoconto Senato G1.109)
(9/2860/10)
COMAROLI, ARRIGONI, CALDEROLI, CANDIANI, CENTINAIO, CONSIGLIO, CROSIO, DIVINA, STEFANI, STUCCHI, TOSATO, VOLPI