• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/02287-BIS/ ... in sede d'esame del disegno di legge recante delega al Governo per il codice dello spettacolo (A.S. 2287-bis-A), premesso che: l'articolo 2, comma 2, lettera b), del disegno di legge...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/2287-BIS/9 presentato da ELENA FERRARA
martedì 19 settembre 2017, seduta n. 878

Il Senato,
in sede d'esame del disegno di legge recante delega al Governo per il codice dello spettacolo (A.S. 2287-bis-A),
premesso che:
l'articolo 2, comma 2, lettera b), del disegno di legge indica, tra i principi e i criteri direttivi cui il Governo deve attenersi nell'adozione dei decreti legislativi cui è delegato, la razionalizzazione degli interventi di sostegno dello Stato, mantenendo o prevedendo, tra l'altro, tra le attribuzioni statali: ''la promozione tra le giovani generazioni della cultura e delle pratiche dello spettacolo, anche mediante le nuove tecnologie, attraverso misure rivolte alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e agli enti o istituti di alta formazione'' e ''la promozione dell'integrazione e dell'inclusione, attraverso attività formative, nonché mediante la pratica e la fruizione delle attività di spettacolo anche in contesti disagiati'';
l'articolo 2, comma 4, lettera i), del disegno di legge indica, altresì, tra i principi e i criteri direttivi cui il Governo deve attenersi nell'adozione dei decreti legislativi cui è delegato, ''l'introduzione di norme, nonché la revisione di quelle vigenti in materia, volte all'avvicinamento dei giovani alle attività dello spettacolo e finalizzate a creare un efficace percorso di educazione delle nuove generazioni'';
considerato che:
nel documento conclusivo dell'indagine conoscitiva sul diritto dei minori a fruire del patrimonio artistico e culturale nazionale, approvato all'unanimità dalla Commissione bicamerale per l'infanzia e l'adolescenza il 4 aprile 2017, si sottolinea la necessità di introdurre agevolazioni, come detrazioni fiscali, per le famiglie i cui figli svolgono specifiche attività culturali (corsi di danza, teatro, musica), come già previsto dall'articolo 15, comma 1, lettera i-quinquies del decreto del Presidente della Repubblica del 22 dicembre 1986, n. 917 (testo unico delle imposte sui redditi), per le attività sportive svolte in palestre, piscine e in altre strutture ed impianti sportivi;
premesso inoltre che:
i temi delle povertà educative e culturali e del connesso disagio dei bambini, da un lato, e quello delle possibilità offerte ai minori di fruire del patrimonio artistico e culturale nazionale, dall'altro, sono strettamente connessi. Infatti, la possibilità di accrescere il livello culturale dei cittadini, a iniziare dai bambini, dovrebbe essere un obiettivo politico da perseguire, perché la crescita del livello culturale è strettamente legata alla possibilità di avere condizioni di vita migliori sotto il profilo sociale ed economico;
occorre quindi prevedere formule tariffarie che consentano alle famiglie di recarsi nei luoghi della cultura senza oneri eccessivi e beneficiando di servizi specifici volti ad incentivare la pratica e la fruizione delle arti performative,
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di prevedere una detrazione fiscale delle spese sostenute per l'iscrizione annuale e l'abbonamento, per i ragazzi di età compresa tra i 5 e i 18 anni, anche ai corsi di danza, teatro e musica, come già previsto per le attività sportive;
a valutare altresì l'opportunità di introdurre specifiche misure, anche di carattere tariffario, volte ad agevolare l'accesso e la frequentazione dei beni e dei prodotti culturali a cominciare dalle famiglie, incrementando i servizi rivolti ai fruitori sia in termini di accesso e fruizione culturale, sia in termini di risposte alle necessità specifiche dei minori e delle famiglie (bimbi piccoli, disabili, anziani) e, più in generale, al benessere del visitatore o del fruitore.
(numerazione resoconto Senato G2.102)
(9/2287-bis/9)
Elena FERRARA, MARCUCCI, IDEM, PUGLISI, MARTINI, TOCCI, ZAVOLI, PANIZZA, PEZZOPANE, PUPPATO