• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/04025 PAGLIARI - Al Ministro della salute - Premesso che, secondo quanto risulta all'interrogante: lo scandalo "Pasimafi", che a maggio 2017 ha coinvolto la sanità parmense, ha visto, tra gli...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-04025 presentata da GIORGIO PAGLIARI
martedì 3 ottobre 2017, seduta n.888

PAGLIARI - Al Ministro della salute - Premesso che, secondo quanto risulta all'interrogante:

lo scandalo "Pasimafi", che a maggio 2017 ha coinvolto la sanità parmense, ha visto, tra gli altri, l'iscrizione nel registro degli indagati del presidente del collegio degli infermieri professionali IPASVI di Parma, il quale ha deciso di non dimettersi dall'incarico, nonostante la sollecitazione dei consiglieri;

ciò ha prodotto le dimissioni degli stessi consiglieri e la conseguente indizione delle elezioni suppletive per la nomina dei nuovi membri;

le elezioni non hanno ottenuto il quorum, pertanto, affinché l'organismo potesse continuare a funzionare, il Ministero della salute avrebbe dovuto nominare tre commissari, che avrebbero dovuto "traghettare" il collegio sino alle elezioni naturali, da celebrare entro la fine dell'anno;

ad oggi i tre commissari non sono stati nominati, nonostante la federazione nazionale dei collegi degli infermieri abbia trasmesso al dicastero l'indicazione dei nomi dei tre commissari prescelti;

in questa situazione, il collegio risulta privo di una qualsiasi guida, in quanto il presidente, seppur ancora in carica, è impossibilitato a compiere qualsiasi atto operativo, e non esistono più, di fatto, né il consiglio, né la figura del segretario e del tesoriere, tutti dimissionari;

ne consegue che: a) non essendoci nessuno che può firmare i mandati di pagamento, da tempo non vengono pagate le bollette delle utenze e l'impiegata del collegio non percepisce lo stipendio dal mese di agosto; b) il collegio non può accettare nuovi iscritti, pertanto, i neo infermieri, non potendo iscriversi, non possono nemmeno partecipare ai concorsi pubblici, o possono partecipare "con riserva", che però non esclude eventuali future contestazioni o ricorsi,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza della situazione;

se intenda adottare il decreto di nomina dei tre commissari, in modo che il collegio possa operare sino alle prossime elezioni.

(3-04025)