• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/18049 (4-18049)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18049presentato daZOLEZZI Albertotesto diVenerdì 6 ottobre 2017, seduta n. 865

   ZOLEZZI, BUSTO, DAGA, DE ROSA, MICILLO, TERZONI e VIGNAROLI. — Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

   con la sentenza n. 4611 del 13 aprile 2017 la II sezione civile del Tar del Lazio ha dichiarato l'illegittimità del silenzio-inadempimento serbato dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonostante la diffida inviata il 12 maggio 2016, rispetto all'obbligo su di esso gravante di concludere il procedimento volto alla definizione dei criteri per l'assimilabilità dei rifiuti speciali a quelli urbani, mediante l'adozione di apposito decreto ex articolo 195, comma 2, lettera e) del decreto legislativo n. 152 del 2006 e condannando l'amministrazione all'adozione dei conseguenti provvedimenti;

   la predetta sentenza ha dichiarato altresì l'obbligo del predetto Ministero di concludere il procedimento menzionato nella diffida adottando, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, il decreto che fissi i criteri per l'assimilabilità dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani nel termine di giorni 120 dalla comunicazione, in via amministrativa, o dalla notifica, ad istanza di parte, della presente sentenza;

   i 120 giorni risultano abbondantemente trascorsi senza che da parte dei Ministeri vi sia stata la pubblicazione di alcun decreto atto ad ottemperare a quanto stabilito dal Tar. Esiste una bozza di testo la quale, allo stato attuale, non fissa alcun criterio uniforme ed oggettivo su tutto il territorio nazionale e non stabilisce un limite quantitativo omogeneo ai rifiuti assimilabili –:

   se i Ministri interrogati intendano dare seguito alla sentenza del Tar Lazio ed eventualmente in quali tempi;

   se i Ministri interrogati intendano prevedere nel decreto di cui in premessa la fissazione di limiti quantitativi oggettivi ed uniformi su tutto il territorio nazionale per quanto concerne l'assimilabilità dei rifiuti speciali agli urbani.
(4-18049)