• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/12441 (5-12441)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-12441presentato daGASPARINI Daniela Matilde Mariatesto diGiovedì 12 ottobre 2017, seduta n. 869

   GASPARINI, CASATI e RAMPI. — Al Ministro della salute. — Per sapere – premesso che:

   la vaccinazione contro il Papillomavirus umano (HPV) si è dimostrata molto efficace nel prevenire nelle donne il carcinoma della cervice uterina (collo dell'utero), questo perché induce una protezione maggiore prima di un eventuale contagio con il virus HPV;

   il carcinoma della cervice uterina è il secondo tumore più diffuso nelle donne e colpisce ogni anno circa 3.500 donne e causa 1.000 decessi in Italia;

   negli ultimi venti anni la mortalità per questo tumore si è ridotta drasticamente, soprattutto grazie alla diagnosi precoce realizzata attraverso i programmi di screening (Pap-test), nonché all'introduzione della vaccinazione anti HPV;

   infatti, il Papillomavirus umano è un virus molto comune, tanto che, secondo una stima, il 75 per cento degli individui viene infettato nel corso della vita;

   secondo il nuovo calendario vaccinale, incluso nel piano nazionale prevenzione vaccinale (PNPV) 2017-2019, approvato in Conferenza Stato-regioni con intesa del 19 gennaio 2017, nonché secondo il successivo «decreto vaccini», la vaccinazione anti Hpv per le ragazze e i ragazzi, 2 dosi nel corso del 12o anno di vita, è offerta gratuitamente e attivamente dal servizio sanitario nazionale (Ssn);

   secondo segnalazione pervenute da diverse Asl della Lombardia ed, in particolare, dall'Asst Vimercate sembra vi sia una carenza di dosi del vaccino Hpv con conseguente sospensione degli appuntamenti, in particolare modo per la somministrazione della seconda dose, mentre il protocollo terapeutico del vaccino Hpv prevede la somministrazione della prima dose e del richiamo in un arco di tempo di sei mesi –:

   se il Ministro interrogato sia a conoscenza di tale situazione e se tale carenza sia riscontrabile anche in altre regioni, oltre alla Lombardia; quali iniziative urgenti, nell'ambito delle sue competenze e nel rispetto di quelle regionali in materia sanitaria, intenda adottare affinché siano osservati il nuovo piano vaccinale e il protocollo terapeutico per la somministrazione del vaccino Hpv.
(5-12441)