• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/04947 con recente bando di gara l'amministrazione comunale di Pomezia (Roma), guidata dal Movimento cinque stelle, ha aperto la procedura per il rinnovo dell'affidamento del servizio di ristorazione...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-04947presentato daPIAZZONI Ileana Cathiatesto diLunedì 26 maggio 2014, seduta n. 233

PIAZZONI, SCUVERA, PILOZZI, BOCCADUTRI, COSTANTINO e ZARATTI. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:
con recente bando di gara l'amministrazione comunale di Pomezia (Roma), guidata dal Movimento cinque stelle, ha aperto la procedura per il rinnovo dell'affidamento del servizio di ristorazione scolastica per gli alunni delle scuole dell'infanzia e primarie, per il periodo settembre 2014-luglio 2017;
all'articolo 1 del capitolato speciale di appalto viene specificato il prezzo posto a base di gara per quello che viene definito «menu completo», pari a euro 4,44 e il prezzo posto a base di gara per quello che viene invece definito «menu ridotto», pari a euro 4,00;
negli articoli 35 e 38 dello stesso viene precisato il contenuto diverso dei due menu: il menu completo comprende il dolce, mentre il menu ridotto ne risulta privo. L'assenza del dolce dal pasto giustifica così la diversità di prezzo dei due diversi menu;
tale differenziazione del servizio di ristorazione, determinata sulla base di quanto una famiglia possa permettersi di pagare il servizio, appare assolutamente inaccettabile e discriminatoria;
si verrebbe a creare così, all'interno della scuola pubblica dell'infanzia e primaria – luoghi ove si dovrebbe inderogabilmente garantire il principio di uguaglianza, nonché condizioni culturali, relazionali, didattiche e organizzative capaci di promuovere lo sviluppo e la crescita personale degli alunni, indipendentemente dalle loro condizioni personali e sociali – un'odiosa differenziazione di trattamento basata sul censo e sulla capacità economica delle famiglie;
agli interroganti appare discriminatorio, per le ragioni citate in premessa, il bando di gara emanato dall'amministrazione comunale di Pomezia –:
di quali elementi disponga il Governo in relazione alla vicenda di cui in premessa e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda assumere al fine di sostenere i nuclei familiari economicamente svantaggiati, anche mediante la destinazione di specifiche risorse, in modo da favorire l'uguaglianza e la parità di trattamento degli alunni, evitando casi come quello di Pomezia. (4-04947)