• Testo INTERPELLANZA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.2/01976 (2-01976) «D'Incecco, Gnecchi, Fanucci, Galperti, Mariani, Giacobbe, Verini, Fragomeli, Fedi, Zardini, Carloni, Oliverio, Donati, Rubinato, Bargero, Paola Boldrini, Casati, Patriarca, Antezza,...



Atto Camera

Interpellanza 2-01976presentato daD'INCECCO Vittoriatesto diMartedì 17 ottobre 2017, seduta n. 872

   I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro della salute, il Ministro dell'interno, per sapere – premesso che:

   la notte del 19 settembre 2017 è avvenuto un episodio di violenza sessuale ai danni di una guardia medica in servizio nella postazione di continuità assistenziale di Trecastagni, in provincia di Catania;

   sull'onda della preoccupazione e dell'indignazione per la drammatica aggressione, solo l'ultima in ordine di tempo, è sorto un Coordinamento di donne medico contro la «violenza e per la difesa della sanità pubblica», una realtà trasversale che accomuna professioniste impegnate nelle istituzioni ordinistiche, nei sindacati e nelle associazioni scientifiche;

   il Coordinamento il 20 settembre 2017 ha inviato una lettera al Ministro dell'interno, Marco Minniti, e alla Ministra della salute, Beatrice Lorenzin, per chiedere la convocazione urgente di «una vertenza per la messa in sicurezza del Ssn»;

   l'appello, che ha raccolto circa 27 mila firme a sostegno, contiene la citata richiesta per definire con urgenza e avviare politiche di contrasto alla violenza. Nello specifico, si chiede di modernizzare le strutture, spesso fatiscenti e inadeguate, di assicurare un maggior controllo del territorio, con le forze dell'ordine integrate con guardie private e con la video sorveglianza, di definire una legge che determini lo status di pubblico ufficiale anche per i medici. Si tratta di misure deterrenti che, unite a una campagna di educazione e rispetto per la sanità pubblica, possono concorrere a interrompere questa spirale drammatica;

   nella lettera, inoltre, si evidenzia che «la raccomandazione n. 8 del novembre 2007 emanata dal Ministero della Salute ben individua le aree a maggior rischio del SSN: servizi di emergenza-urgenza, strutture psichiatriche ospedaliere e territoriali, luoghi di attesa, servizi di geriatria, servizi di continuità assistenziale, e invita ciascuna struttura sanitaria ad elaborare un piano di prevenzione per una tolleranza zero verso gli episodi di violenza, ma anche per formare il personale e coinvolgere la Direzione Aziendale nella gestione degli episodi di violenza»;

   a tale raccomandazione «va aggiunto, nel comparto Sanità, come riferimento legislativo principale il D. Lgs. 81/08 che nello specifico, nell'articolo 28, sottolinea che la valutazione dei rischi lavorativi deve riguardare “tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari”»;

   il ripetersi di casi di violenze, verbali e fisiche, contro il personale medico e sanitario è una vera e propria emergenza che mette a rischio la tutela della salute dei cittadini, oltre che la stessa integrità dei professionisti del Servizio sanitario nazionale –:

   se i Ministri interrogati intendano dare riscontro alla lettera del Coordinamento delle donne medico e rispondere alle preoccupazioni sollevate dai medici, convocando un tavolo di confronto nazionale per la sicurezza del Servizio sanitario nazionale.
(2-01976) «D'Incecco, Gnecchi, Fanucci, Galperti, Mariani, Giacobbe, Verini, Fragomeli, Fedi, Zardini, Carloni, Oliverio, Donati, Rubinato, Bargero, Paola Boldrini, Casati, Patriarca, Antezza, Fabbri, Capone, Amato, Iori, Cova, Beni, Piccione, Castricone, Zan, Gandolfi, Ascani, Marco Di Maio, Gribaudo».