• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.3/03333 (3-03333)



Atto Camera

Interrogazione a risposta orale 3-03333presentato daBIANCONI Mauriziotesto diMercoledì 25 ottobre 2017, seduta n. 878

   BIANCONI. — Al Presidente del Consiglio dei ministri. — Per sapere – premesso che:

   la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, avvocato Maria Elena Boschi, deputato iscritto al gruppo PD, ha reiteratamente dichiarato anche in Parlamento di non aver preso parte a sedute del Governo o ad altre attività relative alla sua posizione di membro dell'Esecutivo riguardanti il settore del credito, o meglio, il mondo delle banche, essendo in un tale ambito evidente l'inopportunità di un suo coinvolgimento sul piano istituzionale, poiché la sottosegretaria è figlia del signor Pier Luigi Boschi, membro del Consiglio di amministrazione di Banca Etruria dal 2011 e nominato vicepresidente dello stesso istituto circa 2 mesi dopo la nomina a Ministro della figlia medesima;

   peraltro, tali asserzioni furono contraddette dal dottor Ferruccio De Bortoli, nei confronti del quale, tacciato di mendacio, fu annunciata querela dalla sottosegretaria, che, nonostante l'impegno solenne a tale proposito, non dette seguito all'iniziativa giudiziaria. Furono altresì contraddette da autorevoli esponenti della maggioranza e dallo, stesso dottor Matteo Renzi, segretario nazionale del Pd, che dichiarò che, stando al Governo era impossibile non occuparsi di banche;

   interrogazioni sul tema non hanno avuto risposta, nè la sottosegretaria Boschi ha ritenuto opportuno lasciare, come all'interrogante appariva indifferibile, dopo le dichiarazioni al Parlamento, secondo lo stesso interrogante non rispondente ai fatti, l'incarico governativo;

   in relazione alla recente mozione sulla Banca d'Italia ed il suo governo, presentata dal PD col sostegno, sempre ribadito, del suo segretario nazionale, si è detto, scritto, affermato da più parti come il Governo fosse a conoscenza del tanto discusso atto parlamentare, essendo esso si ignoto al Presidente del Consiglio, ma non alla sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio;

   anzi costei avrebbe messo mano al testo in guisa significativa;

   Banca d'Italia ha avviato iniziative in più modi e, pare, senza riguardi particolari nei confronti del padre della sottosegretaria, anche con ingentissime richieste risarcitorie;

   pertanto, occupandosi la sottosegretaria Boschi della questione, più che di opportunità istituzionale o conflitto d'interessi, a parere dell'interrogante, si dovrebbe prendere in considerazione la categoria dell'interesse privato;

   la situazione, anche sotto il profilo della credibilità del sistema, sia nello scenario nazionale che internazionale, appare non sostenibile ed è indice di una concezione del potere, a parere dell'interrogante, eminentemente privatistica e possessoria;

   d'altronde, il precedente riportato dai media e non smentito a quanto risulta all'interrogante, di un questore fatto trasferire su pressioni della sottosegretaria per una sorta di mancanza nella protezione della casa a vita in occasione di una manifestazione di risparmiatori, non depone a favore della sottosegretaria in eventi consimili –:

   se sia a conoscenza dei fatti sommariamente riportati;

   se non ritenga di dover agire a tutela della imparzialità istituzionale dell'Esecutivo a fronte di eventi attinenti alla sfera privata dei suoi membri;

   se non ritenga opportuno invitare la sottosegretaria in questione a lasciare la posizione governativa.
(3-03333)