• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/18276 (4-18276)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18276presentato daSIMONETTI Robertotesto diMercoledì 25 ottobre 2017, seduta n. 878

   SIMONETTI. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. — Per sapere – premesso che:

   la nota 37381 pubblicata dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca il 29 agosto 2017 parla di accantonamento dei posti per i docenti in servizio nell'a.s. 2016/17 a tempo determinato (al 30 giugno 2016 o al 31 agosto 2018), per gli insegnamenti specifici dei licei musicali, così come dettato dall'articolo 6-bis, comma 5, dell'ipotesi di Contratto collettivo nazionale integrativo sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie per l'a.s. 2017/18;

   in virtù di tale previsione, accade che il docente in servizio nell'anno precedente, ha il diritto di conferma sullo stesso posto, a prescindere dal titolo e dalla fascia di appartenenza;

   ne consegue che numerosi docenti abilitati nelle materie musicali Tfa, A031-A032 sono attualmente disoccupati, dopo aver superato una selezione ferrea (in alcuni casi 700 candidati per 50 posti);

   nonostante i docenti di musica siano tra i più selezionati, nei fatti stentano a lavorare anche con le supplenze;

   a titolo di esempio, si cita il caso – riportato su «orizzontescuola.it» – di una docente, prima in tutti i licei musicali di Roma per l'insegnamento della materia «tecnologie musicali», la quale avrebbe diritto alla cattedra; tuttavia, il suo posto è attualmente occupato da un altro insegnante non abilitato che ha beneficiato del perverso meccanismo dell'accantonamento;

   è evidente, ad avviso dell'interrogante, che la nota del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca sia in contrasto con le altre normative di rango superiore che stabiliscono che un abilitato di Stato ha sempre la precedenza su un docente non abilitato;

   è altrettanto palese che, secondo l'interrogante, che l'anzidetta nota rappresenta una lesione dei diritti di tutti gli abilitati;

   i licei musicali, peraltro, sono parte del sistema scolastico italiano, per cui, al pari di tutte le altre scuole, andrebbe rispettata, a parere dell'interrogante, la professionalità di coloro i quali si sono impegnati a seguire il percorso formativo indicato e richiesto dalla legge –:

   quali chiarimenti intenda fornire in merito a quanto esposto in premessa, ovvero in ordine alla circostanza che un docente non abilitato abbia la precedenza rispetto a un docente abilitato nell'accesso all'insegnamento di una materia;

   quale valore si intenda riconoscere al Tirocinio formativo attivo, posto che non ha valore concorsuale per le assunzioni e neanche ai fini della precedenza negli incarichi annuali e tenuto altresì conto del costo non indifferente di tale abilitazione;

   se e quali iniziative urgenti il Ministro intenda adottare, anche tramite una apposita nota, al fine di chiarire la precedenza degli abilitati sui non abilitati, al duplice fine di tutelare le professionalità abilitate e garantire agli alunni personale qualificato e formato.
(4-18276)