• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02960/002/ ... in sede di esame del disegno di legge n. 2960, recante bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020 (legge di bilancio...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2960/2/13 presentato da PAOLA NUGNES
martedì 7 novembre 2017, seduta n. 348

La 13ª Commissione permanente,
in sede di esame del disegno di legge n. 2960, recante bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020 (legge di bilancio 2018),
premesso che:
l'articolo 50 del disegno di legge AS 2960 "Bilancio dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018- 2020 istituisce un fondo rotativo per la bonifica dei siti con rifiuti radioattivi;
l'articolo 33 della legge del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133 (convertito con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164), modificato dall'articolo 11, comma 16-quater del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito con modificazioni con legge del 6 agosto 2015, n. 125, considerate le condizioni di estremo degrado ambientale in cui versano le aree comprese nel comprensorio Bagnoli-Coroglio sito nel comune di Napoli ha disposto che le medesime aree fossero di rilevante interesse nazionale e ha previsto inoltre la nomina di un commissario straordinario di governo e di un Soggetto attuatore (Inivitalia Spa) cui sono attribuiti i compiti per il risanamento ambientale;
l'articolo 114 comma 19 della legge 23 dicembre 2000, n. 388 dispone che il Ministro dell'Ambiente presenta annualmente al Parlamento una relazione sullo stato di avanzamento delle attività relative al Piano di completamento della bonifica e del recupero ambientale dell'area industriale di Bagnoli;
l'articolo 1 comma 50 della legge 23 dicembre 2014 n. 190 ha disposto che per perseguire le bonifiche dei SIN contaminati da amianto sono stati stanziati 45.000.000,00 di euro per ciascuno degli anni 2015, 2016, e 2017 dei quali € 25.000.000,00 annui sono a favore dei comuni di Casale Monfenato e di Napoli;
In applicazione della suddetta nomina, è stato predisposto uno specifico Piano, con il decreto direttoriale del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare n. 4/del 18/02/2015, concernente Piani di individuazione degli interventi di bonifica di particolare urgenza in materia di amianto finanziati ai sensi del citato articolo 1, commi 50 e 51, della Legge 23 dicembre 2014 n. 190, e la ripartizione delle relative risorse;
sulla base dei fabbisogni richiesti dal comune di Napoli, per il SIN di Bagnoli-Coroglio, il citato Decreto ha stanziato complessivamente la somma di ulteriori € 10.492.726,00, a favore del medesimo Comune nelle annualità 2016/2017, per finanziare l'intervento "Completamento bonifica da amianto area ex Eterni C (progetto ex Bagnolifutura);
considerato che:
al fine di garantire l'adozione delle iniziative necessarie al superamento della situazione di pericolo ambientale a tutela della pubblica incolumità nelle aree ex Ilva ed ex Italsider è stato stipulato con il 16 aprile 2016 l'accordo di programma con il comune di Napoli con cui si destinano 4.500.000,00 a valere sulla disponibilità residua delle risorse precedentemente stanziate dal Ministero dell'ambiente per il SIN di Napoli Bgnoli- Coroglio (per la rimozione della colmata e la bonifica dell'area marina di cui all' Accordo di Programma - Quadro del 2007, anticipatamente cessato);
considerato inoltre che:
la bonifica (primo step del cronoprogramma per la realizzazione del progetto "Bagnoli "2024") delle aree suddette è finalizzata alla destinazione d'uso per aree verdi, spiaggia e mare balneabile;
a tal fine sono necessarie diverse tecniche di bonifica: alcune meno invasive per ottenere terreni rigenerati fino al soil washing, compresi test chimici per recuperare i materiali costituenti la colmata,
impegna il Governo a:
chiarire, lo stato utilizzo delle risorse destinate al risanamento ambientale del sito di interesse nazionale (SIN) di Bagnoli;
intraprendere, nell'ambito delle proprie competenze e in tempi brevi qualsiasi iniziativa finanziaria volta a completare definitivamente il risanamento dell'area di Bagnoli- Coroglio;
chiarire in tempi brevi quante e quali risorse finanziarie sono state stanziate per la realizzazione del progetto definitivo.
(0/2960/2/13)
NUGNES