• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02960/001/ ... in sede di esame del disegno di legge di bilancio (A.S. 2960), premesso che, l'articolo 1, comma 25, lettera c), della legge n. 228 del 2012 (legge di stabilità per il 2013) ha previsto...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2960/1/02 presentato da SERGIO LO GIUDICE
martedì 7 novembre 2017, seduta n. 433

La Commissione giustizia,
in sede di esame del disegno di legge di bilancio (A.S. 2960),
premesso che,
l'articolo 1, comma 25, lettera c), della legge n. 228 del 2012 (legge di stabilità per il 2013) ha previsto la presa in carico da parte del Ministero della giustizia di quelle lavoratrici e di quei lavoratori che, a partire dal 2010, hanno prestato attività attraverso lavori socialmente utili negli uffici giudiziari garantendo per il 2013 il completamento del tirocinio formativo e un contributo economico da parte del Ministero per tutti coloro che al momento della presentazione della domanda fossero in una lista di mobilità, cassaintegrati, inoccupati e disoccupati;
la legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità per il 2014), all'articolo 1, comma 344, ha previsto che con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con i Ministri dell'economia e delle finanze e della giustizia, fosse stabilita la ripartizione in quote delle risorse confluite nel capitale del Ministero della giustizia in cui è versato il maggior gettito derivante dall'aumento del contributo unificato per essere destinate anche, e per il solo 2014, per consentire lo svolgimento di un periodo di perfezionamento, da completare entro il 31 dicembre 2014, a coloro che avessero completato il tirocinio formativo presso gli uffici giudiziari;
l'articolo 50, comma 1-bis, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, ha stabilito che "Con decreto del Ministro della giustizia, da adottare di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sono determinati, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, il numero nonché i criteri per l'individuazione dei soggetti che hanno completato il tirocinio formativo di cui all'articolo 37, comma 11, del decreto-legge 6 luglio. 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15luglio. 2011, n. 111, e successive modificazioni, che possono far parte dell'ufficio per il processo, tenuto conto delle valutazioni di merito e delle esigenze organizzative degli uffici giudiziari";
il decreto-legge cosiddetto "Milleproroghe" del 31 dicembre 2014, n. 192 convertito con modificazioni dalla legge del 27 febbraio 2015, n. 11 (G.U. 28/02/2015, n. 49) ha prorogato al 30 aprile 2015 il termine per la conclusione del periodo di perfezionamento formativo dei tirocinanti distribuiti sul territorio nazionale presso gli uffici giudiziari;
questi operatori hanno svolto un'attività assai utile di sostegno allo smaltimento di lavoro arretrato di cui gli uffici giudiziari sono oberati ed hanno acquisito un ragguardevole bagaglio di competenza e di professionalità utilizzabile negli uffici giudiziari e nella pubblica amministrazione;
considerato che:
il prossimo dicembre 2017 scadrà l'ennesima proroga per mille tirocinanti inseriti, dal 2015, nelle cancellerie degli Uffici Giudiziari attraverso il nuovo "Ufficio per il Processo";
ad essi vanno aggiunti altri mille tirocinanti, esclusi dall'ufficio del Processo ma tuttavia formati ex art 37 l.147/2013, sono oggi in parte impegnati, con percorsi formativi riattivati dagli enti locali ed in parte attendono di essere richiamati;
il Ministro della Giustizia, ha più volte pubblicamente dichiarato la volontà di non disperdere l'enorme bagaglio di competenze acquisito in questi anni da questi lavoratori, anche alla luce di una consistente carenza di organico, che non riuscirà ad essere colmata con il recente concorso per assistenti giudiziari;
impegna il Governo
a valutare l'opportunità di individuare risorse disponibili a mantenere i tirocinanti inseriti nell'Ufficio del Processo e ad inserire gli operatori esclusi dall'Ufficio del Processo presso gli Sportelli di Prossimità;
a valutare l'opportunità di riconoscere ai tirocinanti formativi indicati in premessa che per il servizio prestato sia attribuito un separato punteggio nei concorsi pubblici.
(numerazione Bollettino Senato G/2960/1/2/Tab. 5)
(0/2960/1/2)
LO GIUDICE, LUMIA, CAPACCHIONE, CIRINNA', CUCCA, FILIPPIN, GINETTI, PAGLIARI, BUEMI