• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03365-B/004    premesso che:     l'ultimo periodo del comma 2 del capoverso articolo 54-bis, dell'articolo 1, comma 1, del provvedimento in esame prevede l'applicazione della disciplina...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03365-B/004presentato daMATARRESE Salvatoretesto diMercoledì 15 novembre 2017, seduta n. 886

   La Camera,
   premesso che:
    l'ultimo periodo del comma 2 del capoverso articolo 54-bis, dell'articolo 1, comma 1, del provvedimento in esame prevede l'applicazione della disciplina recante «Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti» «anche ai lavoratori e ai collaboratori delle imprese fornitrici di beni o servizi e che realizzano opere in favore dell'amministrazione pubblica»;
    sembrerebbe, di contro, che la ratio della norma, volta a tutelare i lavoratori dipendenti del settore pubblico, non abbia alcun tipo di corrispondenza con rapporti di lavoro che esulano dalla subordinazione;
    la disposizione, infatti, seguendo la ratio del disegno di legge che tende a creare un quadro di tutele a favore dei lavoratori dipendenti pubblici autori di segnalazioni, in particolare in termini di divieto di licenziamento discriminatorio, demansionamento, etc., se non chiarita, presenta criticità laddove, applicata anche ai lavoratori del settore privato, resti riferita a figure per le quali dette tutele risultino inapplicabili;
    appare opportuna una riformulazione della predetta norma nel senso di far corrispondere tali disposizioni esclusivamente ai lavoratori subordinati e ai soli collaboratori coordinati e continuativi che, seppur in piena autonomia operativa, rientrano nel quadro di un rapporto unitario e continuativo con il committente del lavoro, sono funzionalmente inseriti nell'organizzazione aziendale e operano all'interno del ciclo produttivo del committente al quale viene riconosciuto un potere di coordinamento dell'attività del lavoratore e, pertanto, presentano un vincolo di parasubordinazione,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di adottare iniziative normative volte a chiarire che, ai fini interpretativi e applicativi, la disposizione in parola si applichi ai lavoratori subordinati e ai collaboratori coordinati e continuativi delle imprese fornitrici di beni o servizi e che realizzano opere in favore dell'amministrazione pubblica.
9/3365-B/4. Matarrese, Chiarelli, Vargiu, Palese.