• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/04653/002    premesso che:     il provvedimento in esame disciplina il distacco del comune di Sappada dalla provincia veneta di Belluno e la conseguente aggregazione alla regione...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/04653/002presentato daBRAGANTINI Matteotesto diMercoledì 22 novembre 2017, seduta n. 890

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame disciplina il distacco del comune di Sappada dalla provincia veneta di Belluno e la conseguente aggregazione alla regione Friuli-Venezia Giulia nell'ambito della provincia di Udine;
    tale annessione è conseguenza della peculiare collocazione geografica del comune sappadino, situato nel confine orientale del Veneto e del bellunese e collegato con il resto della provincia da un'unica via di accesso attraverso il valico dell'Acquatona, per cui il suo naturale sviluppo socioeconomico si colloca logicamente e storicamente nella confinante area Carnia-Val Degano, situata nella provincia di Udine. La popolazione sappadina si ritiene infatti da sempre più affine alle vicine comunità carniche con cui condivide idee, valori, territorio;
    il presente disegno di legge è stato adottato a seguito dell'esito favorevole (pari al 95 per cento dei voti espressi) del referendum tenutosi il 9 e 10 ottobre 2008, la cui indizione è stata deliberata dal consiglio comunale di Sappada nel luglio 2007;
    l'articolo 132, secondo comma, della Costituzione, relativo al distacco di comuni e province da una regione e la loro successiva aggregazione ad un'altra regione, prevede infatti: 1) la richiesta degli enti locali interessati, previa approvazione della stessa con referendum da parte della maggioranza delle popolazioni interessate; 2) il parere dei consigli regionali coinvolti; 3) l'adozione di una legge statale ordinaria;
    analogamente al comune di Sappada, anche quello di Lamon, attualmente ricompreso nella provincia di Belluno, ha espresso da tempo la volontà di distacco dalla regione Veneto e la conseguente aggregazione alla regione Trentino Alto Adige, nell'ambito della provincia di Trento;
    il consiglio comunale di Lamon, con la delibera n. 6 del 24 marzo 2004 ha richiesto il referendum di distacco regionale del comune, ai sensi dell'articolo 132, comma 2, della Costituzione. Il referendum si è svolto il 3 maggio 2005, al quale hanno partecipato 2.558 elettori su 4.151 aventi diritto al voto, pari al 61,6 per cento, esprimendo 2.377 voti favorevoli, 155 voti negativi, 10 schede bianche e 16 nulle;
    il trasferimento regionale del comune di Lemon è giustificato dalla sua collocazione geografica, in quanto unico comune veneto posto oltre il torrente Cismon, che ne ha di fatto impedito la comunicazione con la pianura bellunese a valle ed ha indotto la popolazione a costanti rapporti socio-economici con la vicina provincia di Trento, anziché con la restante provincia di Belluno;
    sul distacco del comune di Lamon dalla regione Veneto e la conseguente aggregazione alla regione Trentino Alto Adige già nella XV legislatura era stato presentato, su iniziativa governativa, un disegno di legge costituzionale che era stato approvato dalla Commissione affari costituzionali della Camera il 26 luglio 2007, ma poi decaduto per scioglimento anticipato delle Camere. Il testo approvato era stato riproposto nella XVI legislatura da due disegni di legge costituzionali d'iniziativa parlamentare, per i quali la Commissione Affari costituzionali aveva deliberato la procedura speciale di cui all'articolo 107, comma 3, del Regolamento. Il provvedimento, calendarizzato per l'Aula il 24 settembre 2012, era stato poi rinviato in Commissione per approfondimenti in ordine ai riflessi finanziari di bilancio. Nel corso dell'attuale legislatura sono state formulate diverse proposte di legge parlamentari sul distacco del comune di Lamon, il cui iter non è tuttavia iniziato,

impegna il Governo

alla luce delle motivazioni citate in premessa, ad adottare per quanto di competenza urgenti iniziative volte ad accelerare l’iter del distacco del comune di Lamon dalla regione Veneto e la sua conseguente aggregazione alla regione Trentino Alto Adige, nell'ambito della provincia di Trento, al fine di dare seguito alla volontà popolare emersa in modo inequivocabile con l'esito positivo del referendum del 2005.
9/4653/2. Matteo Bragantini, Prataviera.