• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/12792 (5-12792)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-12792presentato daMINNUCCI Emilianotesto diLunedì 27 novembre 2017, seduta n. 891

   MINNUCCI. — Al Ministro dell'interno, al Ministro dell'economia e delle finanze, al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione. — Per sapere – premesso che:

   nel giugno 2016, a seguito dell'elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale, si insediava la nuova ed attuale amministrazione del comune di Bracciano, il cui sindaco è il dottor Armando Tondinelli;

   la predetta amministrazione, però, si è da subito contraddistinta per diverse azioni e determinazioni di dubbia legittimità tra cui si segnala, ad esempio, l'approvazione della delibera di giunta comunale 115 del 19 maggio 2017, priva di pareri tecnici, che ha privilegiato una edificazione diretta su un terreno adiacente alla lottizzazione «La Lobbra» – osteggiata dalla stessa regione Lazio – e che ha creato non pochi problemi all'ente, letteralmente subissato da richieste di accesso agli atti da parte del cittadino interessato;

   inoltre, l'amministrazione comunale ha istituito una commissione di indagine per controllare l'operato dei dipendenti evidentemente illegittima sia nella sua composizione, sia nella sua stessa istituzione, in quanto la legge affida la stessa alla competenza esclusiva del prefetto, su segnalazione della magistratura e della polizia giudiziaria, ovvero su impulso della minoranza, per controllare l'operato dell'organo politico;

   peraltro, i consiglieri di minoranza sono stati oggetto di esposti da parte del presidente del consiglio, il quale ha iniziato anche un'intensa attività di accesso agli atti relativi ai predetti consiglieri, e anche ai loro familiari, contravvenendo alla sua funzione super partes;

   ulteriori irregolarità si verificano anche a livello tecnico-amministrativo, come ad esempio le assunzioni, stabilite con delibera di giunta comunale 202 del 19 settembre 2017, attuate in deroga al regolamento comunale e soprattutto all'articolo 110 del Tuel che prevede, per gli enti privi di dirigenza, la possibilità di ricorrere a contratti a termine solo in assenza di professionalità analoghe all'interno dell'ente, invece presenti tra il personale dipendente. Tali circostanze che interessano il personale dipendente sono state oggetto di diverse segnalazioni da parte dei sindacati che hanno sottolineato la sussistenza di dette illegittimità e hanno rilevato un diffuso malessere e la difficoltà a svolgere serenamente il proprio lavoro. Sono state, inoltre, rilasciate concessioni edilizie a firma del segretario generale, dottoressa Susanna Calandra, la quale si è sostituita ai dipendenti aventi ruolo tecnico;

   altra questione rilevante è quella relativa alla discarica di Cupinoro, gestita dalla società Bracciano Ambiente dichiarata fallita nel novembre 2016. Ad oggi, il comune non ha ancora provveduto all'emissione del bando per il subentro di un nuovo gestore per il servizio di raccolta e spazzamento che dovrebbe avvenire entro il mese di novembre 2017. Tale inettitudine, unita ai tempi sempre più ristretti, oltre a portare ad una «probabile emergenza» rifiuti nel comune, potrebbe, secondo l'interrogante, facilitare l'interesse di «soggetti» di dubbia legalità;

   le azioni illegittime sopra descritte, perpetrate dall'attuale amministrazione del comune di Bracciano, stanno fortemente minando il regolare svolgimento delle attività del comune stesso, nonché la legittima funzione dei consiglieri di minoranza osteggiata in modo evidente dagli stessi rappresentanti di maggioranza, i quali hanno impedito anche la votazione di una mozione di minoranza riguardante la delibera di giunta comunale 115 di cui sopra –:

   se il Governo sia a conoscenza della situazione sopra descritta e se non ritenga di valutare se sussistano i presupposti per assumere iniziative, per quanto di competenza, ai sensi degli articoli 141 e seguenti del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali in relazione ai fatti riportati che riguardano il comune di Bracciano;

   se non si intenda promuovere, per quanto di competenza, una verifica da parte dei servizi ispettivi di finanza pubblica e dell'ispettorato per la funzione pubblica, alla luce delle criticità e delle anomalie che caratterizzano la gestione del comune.
(5-12792)