• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/18661 (4-18661)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18661presentato daBORGHESE Mariotesto diMercoledì 29 novembre 2017, seduta n. 893

   BORGHESE e ABRIGNANI. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

   la legge 5 febbraio 1992, n. 104, all'articolo 1, esplicita la finalità di prevenire e rimuovere «le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo della persona umana e il raggiungimento della massima autonomia possibile e la partecipazione della persona handicappata alla vita della collettività nonché la realizzazione dei diritti civili politici e patrimoniali»;

   da numerose fonti di stampa si evince che l'Inps ha annunciato di aver aumentato i punti di accesso e semplificato i percorsi di fruizione dei propri sportelli a favore dei soggetti con «particolari situazioni di riduzione dell'autonomia personale, anche di natura temporanea, o di necessità di cura e assistenza»;

   in particolare, si fa riferimento a donne in gravidanza, persone disabili ovvero con capacità motoria, anche solo temporaneamente, ridotta e genitori con bambini di età inferiore a un anno;

   lo stesso Inps con la circolare 28 marzo 2006, n. 50, paragrafo 1, lettera e), chiarisce che, allo scopo di migliorare il rapporto con l'utenza, è stato previsto di aumentare i punti di accesso e semplificare i percorsi, smistando le persone nella maniera più opportuna a seconda delle esigenze manifestate;

   con il messaggio dell'Inps n. 16868 del 30 agosto 2011 viene chiarito che, considerata l'esigenza di tutelare alcune categorie di utenti, ai quali, particolari situazioni di riduzione dell'autonomia personale, anche di natura temporanea, o di necessità di cura e assistenza, rendono più difficoltoso l'accesso agli sportelli dell'Istituto per richiedere servizi previdenziali e assistenziali, si dispone l'istituzione di corsie preferenziali che consentano di accedere alle postazioni di «front office», con priorità rispetto agli altri utenti;

   risulta altresì necessario rendere visibili al pubblico tutte quelle circolari o avvisi che, nell'interesse dell'ente, possono informare l'utenza dell'erogazione delle prestazioni e dei servizi –:

   se la sede dell'Inps di Poggio Mirteto, in provincia di Rieti, abbia predisposto per l'utenza «con particolare riduzione dell'autonomia personale» una postazione di «front office» prioritaria rispetto agli altri utenti o, per lo meno, un sistema di accoglienza nella prenotazione del servizio tale da rendere prioritario l'intervento dell'operatore.
(4-18661)