• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/12835 (5-12835)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-12835presentato daVELLA Paolotesto diMercoledì 29 novembre 2017, seduta n. 893

   VELLA e FABRIZIO DI STEFANO. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:

   è all'esame della commissione VIA della regione Abruzzo il progetto di dragaggio del porto di Ortona, redatto dalla ditta aggiudicataria nuova Coedmar di Chioggia;

   l'aggiudicazione è stata impugnata dalla ditta prima in graduatoria per l'affidamento dei lavori contro la seconda cui il comune, stazione appaltante, dovrebbe affidare i lavori;

   il progetto prevede il conferimento di sedimenti marini di classe B1 e B2 per un quantitativo pari a metri cubi 107.422 da destinare a «deposito a terra in area opportunamente predisposta ed impermeabilizzata nel tratto di piazzale retrostante la Nuova Banchina Nord, tra il nuovo molo nord e la radice della diga foranea, nelle more della definizione del recapito finale degli stessi a cura degli Enti preposti»;

   il piazzale retrostante la nuova banchina nord, tra il nuovo molo nord e la radice della diga foranea, interessata dal deposito temporaneo dei sedimenti marini di classe B1 e B2, è lo stesso che interessa:

   il progetto, in procedimento di autorizzazione ex legge n. 35 del 2012 da parte del Ministero dello sviluppo economico per la realizzazione di un deposito costiero di GPL da 25.000 mc nel porto di Ortona da parte della società Seastock srl;

   la richiesta formulata dalla ditta Walter Tosto Spa al consiglio superiore dei lavori pubblici di «realizzazione di una vasca di colmata tra il molo Nord ed il molo Giardino del Porto di Ortona» per lo stoccaggio dei fanghi di dragaggio e relativa banchina portuale;

   viene rilevato l'interesse pubblico al progetto proposto della ditta Walter Tosto Spa con delibera di giunta regionale n. 161 del 12 marzo 2016 e delibera di consiglio comunale di Ortona del 25 febbraio 2015;

   il Consiglio di Stato, con ordinanza n. 05064/2017, ha rinviato la discussione sul ricorso al 12 aprile 2018;

   non è chiaro se la data del 31 dicembre 2018 rappresenti termine ultimo perentorio per la realizzazione e la rendicontazione di tali opere –:

   se il Ministro interrogato non ritenga di dover acquisire ogni utile elemento circa gli aspetti procedurali della vicenda, con particolare riguardo alla compatibilità tra le tre diverse destinazioni dell'area in premessa che vedono coinvolte tre società diverse e, con riferimento alla realizzazione della vasca di colmata, di cui è stata dichiarata la pubblica utilità, a che punto sia l’iter e quali adempimenti istruttori siano previsti.
(5-12835)