• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/18725 (4-18725)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18725presentato daCOZZOLINO Emanueletesto diMartedì 5 dicembre 2017, seduta n. 897

   COZZOLINO. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

   l'Ecodreaming di Fossò (Venezia) è un'azienda attiva in un settore in pieno sviluppo: quello della raccolta e trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) e fornisce lavoro a 28 operai;

   a seguito di una crisi aziendale consumatasi negli ultimi 2 anni, tuttavia, i lavoratori sono stati posti in cassa integrazione ed è stato nominato un commissario liquidatore per la società;

   recentemente il signor Fabio Cavinato, che detiene l'85 per cento delle quote della società attraverso la Matfin Srl, avrebbe messo in liquidazione la stessa;

   conseguentemente a questa decisione, i lavoratori potrebbero perdere l'accesso agli ammortizzatori sociali di cui beneficiano, con gravi ricadute sulla loro situazione reddituale e, soprattutto, con la conferma di un definitivo pregiudizio del mantenimento del posto di lavoro;

   la situazione è al momento confusa e i lavoratori vivono un periodo di intollerabile incertezza;

   va considerato inoltre che l'intera vicenda non avrebbe contorni chiari, dato che le dinamiche societarie che si sono sviluppate nei passati anni e che hanno condotto all'esito attuale avrebbero profili di dubbia regolarità, tanto che sarebbe stato presentato un esposto alla procura della Repubblica di Venezia per chiedere se non sia configurabile il reato di bancarotta con distrazione del patrimonio della società Ecodreaming da parte degli attuali proprietari;

   uguali irregolarità sarebbero da ravvisare inoltre nel passaggio delle quote sociali della società Ecodreaming dai vecchi ai nuovi proprietari, tanto che la vecchia proprietà, la società Terracube Srl, è già stata dichiarata fallita;

   sarebbero infatti naufragate nel corso degli anni varie ipotesi alternative che avrebbero permesso alla società proprietaria di Ecodreaming di continuare ad operare, tra le quali quella di valutare l'ipotesi di cessione ai dipendenti di un ramo d'azienda, alla quale questi avrebbero aderito se non fosse stata ritirata;

   d'altra parte, solo pochi anni fa, con la vecchia governance e con la vecchia proprietà, la società denunciava significativi utili;

   ovviamente oggi la situazione è definitivamente compromessa, tanto che le forze dell'ordine sarebbero persino intervenute per conto della società elettrica per interrompere l'erogazione di corrente allo stabilimento e porre sotto sequestro alcune partite di rifiuti –:

   se siano a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali iniziative di competenza intendano adottare per gestire la situazione di crisi aziendale sopra illustrata;

   di quali elementi disponga circa la situazione attuale dell'azienda e quali ripercussioni tale situazione potrà avere sulle misure di sostegno al reddito di cui beneficiano i dipendenti della Ecodreaming srl di Fossò (Venezia).
(4-18725)