• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/18739 (4-18739)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18739presentato daMENORELLO Domenicotesto diMartedì 12 dicembre 2017, seduta n. 899

   MENORELLO, DAMBRUOSO, MONCHIERO, OLIARO e VARGIU. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:

   presso il distretto di corte d'appello di Bologna pende una causa penale, nell'ambito del procedimento n. 14241/13 R.G.N.R., in cui è parte Automobili Lamborghini s.p.a. quale responsabile civile per fatto dell'imputato riconducibile all'ipotesi di omicidio colposo (ex articolo 589 del codice penale) del signor Andrea Mamè che, alla guida di una Lamborghini Supertrofeo Gallardo LP 570-4, è deceduto a soli 41 anni nel corso del «Lamborghini Blancpain Super Trofeo» organizzato dalla nota casa automobilistica nell'autodromo «Paul Ricard» in Le Castellet (Francia);

   il primo grado del processo si è concluso con una sentenza di non luogo a procedere «perché il fatto non sussiste», emessa in data 12 luglio 2017 dal tribunale in composizione monocratica ed impugnata dal procuratore generale;

   sempre nel distretto di corte d'appello di Bologna, in primo grado di giudizio, è in corso una seconda causa, in sede civile (11860/2016 R.G.) – di valore 10.000.000 di euro come da perizia – per accertare e dichiarare la responsabilità di Automobili Lamborghini s.p.a. per la morte del signor Mamè;

   a soli due giorni dalla data dell'udienza relativa a quest'ultimo giudizio, precisamente il 17 novembre 2017, il presidente della corte d'appello di Bologna si recava in visita alla fabbrica di Automobili Lamborghini s.p.a. di Sant'Agata Bolognese (Bologna) e, in quell'occasione, venivano messi a sua disposizione tre modelli della Lamborghini Huracan, ultimo veicolo della casa automobilistica (cfr. Corriere della Sera di Bologna);

   purtroppo, durante il giro di prova alla guida di una delle tre vetture l'autista di servizio del presidente, signor Vito Rotunno, si scontrava con un autocarro perdendo la vita;

   il presidente della corte d'appello di Bologna, al momento dell'accaduto, si trovava su un altro veicolo con un collaudatore della Lamborghini –:

   se non intenda valutare la sussistenza dei presupposti per l'esercizio di iniziative ispettive.
(4-18739)