• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/18788 (4-18788)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18788presentato daZANIN Giorgiotesto diMercoledì 13 dicembre 2017, seduta n. 900

   ZANIN, BORGHI e SENALDI. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:

   il rapporto Cresme-Symbola 2017 evidenzia che nel 2016 solo circa il 21 per cento (pari a 29 miliardi di euro) della produzione edilizia nazionale riguarda le nuove realizzazioni, mentre il 79 per cento (110,5 miliardi di euro) riguarda le ristrutturazioni di cui un terzo degli interventi riguarda manutenzioni ordinarie e due terzi quelle straordinarie;

   i nuovi decreti del 26 giugno 2015 sull'efficienza energetica in edilizia (pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015) concludono il recepimento della direttiva 31/2010/UE iniziato con il decreto-legge n. 63 del 2013 convertito dalla legge n. 90 del 2013, introducendo un nuovo coefficiente descrittivo delle caratteristiche globali dell'edificio denominato H't, che valuta la dispersione termica di un edificio attraverso l'involucro edilizio; trattasi di un coefficiente medio globale di scambio termico per unità di superficie disperdente indicizzato per ogni metro quadro;

   prima dell'introduzione del nuovo coefficiente H't, le prestazioni complessive degli edifici erano descritte con l'indice di prestazione energetica complessivo (parametro EPi), con una sovrapposizione confliggente tra i due metodi di valutazione;

   inoltre tale parametro H't rischia di bloccare nei fatti numerosi interventi di rilevante impegno economico nel settore delle ristrutturazioni, dal momento che crea un aggravio immediato dei costi, in quanto nel caso di un edificio esistente molto vetrato potrebbe essere richiesto il ridimensionamento delle aperture vetrate; inoltre agli interroganti pare determinarsi un conflitto con i propositi del decreto legislativo n. 192 del 2995 e successive modificazioni e integrazioni –:

   se il Governo non intenda valutare la possibilità di assumere iniziative per rimuovere il parametro H't, bilanciando tale rimozione con l'introduzione di trasmittanze più restrittive sulle componenti edilizie, o viceversa se non si ritenga sufficiente determinare l'indice H't come non cogente o comunque non applicabile a fronte di una relazione tecnica del progettista incaricato, nel caso in cui si voglia mantenere il detto parametro.
(4-18788)