• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/12930 (5-12930)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-12930presentato daCATALANO Ivantesto diMercoledì 13 dicembre 2017, seduta n. 900

   CATALANO. — Al Ministro dell'interno. — Per sapere – premesso che:

   in risposta all'interrogazione a risposta scritta n. 4-07062, il Governo dopo aver confermato che l'ex ispettore di Poste Italiane Alessandro Carollo «è stato vittima di due episodi di natura intimidatoria, verosimilmente uniti dal vincolo della continuazione»; ha affermato che «gli episodi sembrano potersi ricondurre alla collaborazione con gli organi inquirenti che il predetto ha prestato in ordine ad alcune attività d'indagine»;

   in seguito al ripetersi di gravi atti intimidatori in danno del citato Carollo, l'interrogante ha depositato l'interrogazione a risposta scritta n. 4-11630, in risposta alla quale il Governo ha assicurato «che i dispositivi di vigilanza per la persona sopra citata sono stati mantenuti a seguito del riesame dell'esposizione a rischio del medesimo»;

   con l'interrogazione n. 4-13883, ancora senza risposta, si è segnalata la pubblicazione online di messaggi intimidatori e diffamatori contro l'ex ispettore, provenienti dal profilo di un imputato di uno dei procedimenti al quale il dottor Carollo ha dato un contributo investigativo;

   nel febbraio dell'anno in corso, di fronte al ripetersi di atti intimidatori, fra i quali la spedizione di un bossolo calibro 12 all'ex ispettore, l'interrogante ha evidenziato, con interrogazione n. 4-15691, l'opportunità di mantenere e potenziare il dispositivo di protezione;

   anche nel corso di quest'anno, l'ex ispettore è stato chiamato a prestare la propria collaborazione nell'ambito di procedimenti penali in corso, da ultimo rendendo testimonianza presso il tribunale di Termini Imerese in data 10 novembre 2017 e presso il tribunale di Palermo in data 13 settembre 2017 –:

   se il Governo, operata una nuova valutazione del rischio, anche sulla base degli elementi precedentemente segnalati, non intenda assumere iniziative per la proroga o la rinnovazione del dispositivo di vigilanza a garanzia del dottor Alessandro Carollo.
(5-12930)