• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/18839 (4-18839)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18839presentato daQUARTAPELLE PROCOPIO Liatesto diMercoledì 20 dicembre 2017, seduta n. 901

   QUARTAPELLE PROCOPIO. — Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:

   il 27 aprile 2017 moriva a Punta Cana (Repubblica Dominicana), in circostanze ad oggi ancora non chiarite, Alessandro Grandis, cittadino italiano residente a Savona che stava intraprendendo un viaggio di 7 mesi in America Latina;

   il ragazzo, 28 anni, era arrivato nella città dominicana il 25 aprile, dopo aver viaggiato attraverso il Sud America per più di 6 mesi e avendo come destinazione finale proprio la capitale del Paese, Santo Domingo, dove un suo amico italiano lo avrebbe interessato alla possibilità di aprire una farmacia;

   Grandis aveva trovato posto, tramite Couchsurfing, una piattaforma di scambio gratuito di ospitalità, a Punta Cana nel residence «La Joya Cocotal» in località Bavaro, presso due persone di nazionalità polacca: una ragazza di 25 anni (Patrycja Borzecka) e un uomo di 43 anni (Roman Wojciechowski), entrambi in un primo momento fermati dalla polizia locale ma di cui si sarebbero perse le tracce;

   il giorno 27 aprile, alle ore 7,10, il corpo del giovane veniva trovato dall'impiegato della manutenzione del residence a bordo della piscina, mentre era ancora agonizzante. A nulla sarebbe servito l'intervento del medico;

   il magistrato di Bavaro (Punta Cana) dopo solo due ore di indagine, avrebbe archiviato il fatto rubricandolo come suicidio: il ragazzo si sarebbe gettato dal balcone del residence;

   Grandis, secondo le testimonianze degli amici, dei parenti e della fidanzata, era persona solare e non aveva mai dato il minimo segno di depressione o inclinazione al suicidio e, anzi, aveva numerosi progetti professionali che voleva sviluppare come dimostra la tappa nella Repubblica Dominicana;

   la madre di Alessandro, dottoressa Rosa Cacace, medico legale, ha fatto pervenire gli estratti relativi agli esiti dell'autopsia effettuata dai quali emergerebbe che il ragazzo ha avuto un «traumatismo contuso cranio encefalico severo» ma anche fratture alle nocche e rottura del labbro inferiore non compatibili con la caduta;

   l'esame tossicologico risulta negativo;

   la famiglia Grandis è assistita in Italia dallo studio legale Gobbi, e nella Repubblica dominicana dall'avvocato Pascual Peguero Frias, legale di fiducia della comunità italiana ivi residente;

   il caso parrebbe archiviato come irrisolto (modalità giuridica del decesso indeterminata), anche se non sono pervenuti allo studio legale Gobbi i verbali di chiusura delle indagini;

   in data 19 ottobre 2017 l'avvocato domenicano Peguero Frias con un esposto alla procura della Repubblica Dominicana, al direttore della polizia nazionale e all'ambasciata italiana di Santo Domingo denunciava l'inconsistenza delle indagini e le molteplici lacune che hanno portato all'archiviazione del caso come irrisolto con l'obiettivo di far riaprire la pratica;

   anche la comunità italiana in loco non è rimasta silente e il 13 dicembre 2017 con ulteriore esposto alla polizia e all'ambasciata italiana a Santo Domingo denunciava il carattere approssimativo e superficiale delle indagini, nonché le contraddizioni inerenti alle poche testimonianze rese e pertanto chiedeva «una nuova investigazione sul caso» –:

   se e quali informazioni ulteriori il Governo abbia potuto ottenere sul caso in questione, stante anche la recente riapertura dell'ambasciata italiana a Santo Domingo, e come intenda agire presso le competenti autorità per arrivare a una ragionevole verità processuale.
(4-18839)