• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/12958 (5-12958) (Presentata il 19 dicembre 2017)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-12958presentato daFERRARESI Vittoriotesto diMercoledì 20 dicembre 2017, seduta n. 901

   FERRARESI, SARTI, AGOSTINELLI, BUSINAROLO, COLLETTI e BONAFEDE. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:

   le visite in carcere sono regolate dall'articolo 67 della legge 357 del 1975 che indica le autorità che possono visitare le carceri senza autorizzazione. Dal che ne deriva che le altre persone (esclusi i medici, gli avvocati e la polizia giudiziaria che possono accedere in virtù dei loro incarichi e il cui accesso è regolato da altri articoli) devono essere autorizzati;

   l'articolo 117 della legge 230 del 2000 stabilisce che le visite sono rivolte particolarmente alla verifica delle condizioni di vita dei detenuti e che possono essere autorizzate anche in via generale le visite di persone appartenenti a categorie analoghe a quelle previste dall'articolo 67 della legge. Ne deriva che le persone eventualmente autorizzate, possono effettuare la visita in virtù di una motivazione ritenuta valida dall'amministrazione penitenziaria, anche dal momento che, tra le autorità previste, sono stati inseriti i garanti locali dei detenuti;

   risulta agli interroganti che nel corso dell'anno sarebbero state autorizzate visite all'interno delle carceri ad esponenti di associazioni e partiti politici e che, in particolare, nel corso di tali visite, sarebbero stati distribuiti bollettini per il finanziamento di tali soggetti;

   risulta sempre agli interroganti, che sarebbero state svolte attività e visite da parte di soggetti già condannati in via definitiva per reati di terrorismo;

   sarebbe opportuno stigmatizzare quanto accaduto –:

   se sia a conoscenza dei fatti di cui in premessa, quali siano le motivazioni che hanno indotto l'amministrazione penitenziaria a concedere accessi negli ultimi mesi a persone, anche con precedenti penali gravi, membri di associazioni ed organizzazioni partitiche e se tali visite si siano svolte all'interno delle sezioni 41-bis.
(5-12958)
(Presentata il 19 dicembre 2017)