• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/05346 sono oltre 150 i tavoli di crisi nazionali, che rappresentano solo la punta dell’iceberg di una crisi dirompente, se solo si considera che la cassa integrazione ha sfiorato le 990 milioni di...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-05346presentato daCIRIELLI Edmondotesto diMercoledì 2 luglio 2014, seduta n. 255

CIRIELLI. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali . — Per sapere – premesso che:
sono oltre 150 i tavoli di crisi nazionali, che rappresentano solo la punta dell’iceberg di una crisi dirompente, se solo si considera che la cassa integrazione ha sfiorato le 990 milioni di ore nei primi undici mesi del 2013;
in particolare, il territorio salernitano, già pesantemente segnato dalla crisi, sta vivendo l'ennesimo dramma dell'occupazione con l'ulteriore, durissimo colpo inferto a un'industria operante nel settore dell'editoria;
preoccupazione desta, infatti, la vicenda riguardante il futuro dei lavoratori della società Piemonte Printing srl;
durante un incontro tenutosi con le organizzazioni sindacali l'8 novembre 2013 la Stiem spa, incorporata nella Piemonte Printing srl, con assorbimento di tutti i 22 lavoratori in forza, illustrava la complessiva situazione aziendale e in tale occasione veniva concordato il ricorso alla cassa integrazione guadagni straordinaria (cigs) a decorrere dal 1° dicembre 2013, nonché l'applicazione dei benefici di cui agli articoli 35 e 37 delle leggi 416 del 1981 e 62 del 2001 per la gestione degli esuberi;
tale richiesta si rendeva necessaria per fronteggiare la crisi aziendale, in favore dei lavoratori addetti all'unità di Fisciano (SA);
l'azienda, inoltre, nell'ottica di una corretta gestione dell'eccedenza, si impegnava ad attivare azioni finalizzate alla possibile ricollocazione dei lavoratori eccedenti presso altre imprese del gruppo e alla riqualificazione del personale per favorirne il reimpiego, oltre a favorire la ricollocazione in mobilità di lavoratori che avrebbero manifestato la volontà di non opposizione al recesso nonché iniziative di outplacement;
con istanza del 20 novembre 2013, la Piemonte Printing srl chiedeva, pertanto, l'attivazione dell'esame congiunto previsto dall'articolo 2, commi 3 e 6, del decreto del Presidente della Repubblica 218 del 10 giugno 2000, ai fini della presentazione della richiesta di concessione della cassa integrazione guadagni straordinaria;
nonostante ciò, i lavoratori dello stabilimento di Fisciano da mesi non percepirebbero alcuna remunerazione e a tutt'oggi sono in attesa di conoscere le loro sorti e quelle delle loro famiglie;
secondo quanto riportato nel verbale della procedura di consultazione del 5 dicembre 2013 la giunta regionale della Campania, nel ritenere il ricorso alla cassa integrazione guadagni straordinaria lo strumento idoneo alla gestione non traumatica degli esuberi, ha espresso parere favorevole all'accoglimento della richiesta avanzata dalla Piemonte Printing srl;
l'istanza di concessione della cassa integrazione guadagni straordinaria è, pertanto, all'attenzione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali;
è indispensabile per il futuro di questo territorio e dei suoi cittadini, adottare ogni iniziativa a tutela dei lavoratori e dei livelli occupazionali nello stabilimento Piemonte Printing Srl;
nel vivo della crisi più acuta che si ricordi dal 1929 la politica, tutta, dovrebbe evitare di sbagliare priorità e dedicare un'attenzione particolare alle numerose situazioni di crisi aziendali e, in generale, di precarietà diffuse sul tutto il territorio nazionale;
è di poche ore fa la notizia che la Cgil ha stimato che, da qui alla fine dell'anno, c’è il rischio che perdano il sostegno al reddito circa 50 mila persone, aggravando ulteriormente la situazione occupazionale –:
se i Ministri interrogati siano a conoscenza dei fatti esposti in premessa e, considerato che la risoluzione della problematica è prioritaria per le sorti di numerosi lavoratori e delle loro famiglie, quali iniziative ritengano opportuno adottare per porre fine al processo di desertificazione del tessuto produttivo di quello che fu uno dei principali poli industriali del Mezzogiorno, inserendo la Piemonte Printing srl nel prossimo decreto ministeriale di concessione del trattamento straordinario di integrazione salariale;
quali iniziative intendano adottare per l'individuazione di soluzioni occupazionali alternative. (4-05346)