• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/05692 in data 11 aprile 2012, è stato pubblicato il bando di gara per la costruzione del nuovo depuratore a servizio degli abitati di Manduria, Sava e delle marine di Manduria, i cui reflui hanno...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-05692presentato daRAMPELLI Fabiotesto diVenerdì 25 luglio 2014, seduta n. 272

RAMPELLI. — Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro per gli affari regionali e le autonomie . — Per sapere – premesso che:
in data 11 aprile 2012, è stato pubblicato il bando di gara per la costruzione del nuovo depuratore a servizio degli abitati di Manduria, Sava e delle marine di Manduria, i cui reflui hanno come recapito finale il mare Ionio (DCR n. 230/2009) tramite condotta sottomarina allocata nell'area costiera SIC di Specchiarica, di particolare pregio ambientale ed elevato valore turistico;
in data 28 ottobre 2013 è stato pubblicato l'avviso di aggiudicazione all'impresa Giovanni Putignano e Figli s.r.l. di Noci (BA), relativo all'appalto integrato per i lavori di costruzione del suddetto impianto di depurazione;
in data 12 giugno 2012, la giunta regionale della Puglia ha effettuato una delibera di indirizzo per l'affinamento dei reflui per il riuso in agricoltura, riconoscendo le necessità irrigue del territorio manduriano a rischio di desertificazione ma mantenendo il recapito finale in acque costiere;
l'intera popolazione di Manduria ed Avetrana si contrappone alla decisione regionale di mantenere lo scarico in condotta sottomarina nelle acque di Specchiarica, avvalendosi di sostanziali motivazioni tecniche e scientifiche prodotte nella relazione dei professori ordinari Del Prete (idrogeologia) e Caliandro (agronomia), la cui soluzione progettuale prevede l'eliminazione della condotta sottomarina tramite il riuso in agricoltura, lo stoccaggio invernale ed il recapito finale dei reflui depurati tramite pozzi sperdenti negli strati superficiali del sottosuolo;
la presenza di calcareniti fessurate permeabili permette la filtrazione dei reflui con possibilità di smaltire notevoli portate utili a fronteggiare i processi di intrusione salina in atto per arricchimento con acque dolci depurate che raggiungono le sottostanti acque salmastre, attualmente non utilizzabili in agricoltura;
il comune ha manifestato la disponibilità di mettere a disposizione cento ettari per la realizzazione di pozzi di dimensioni drenanti sufficienti ad assorbire anche i picchi di portata dei fuori servizio;
la predetta soluzione è prevista nell'articolo 103 del decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006, che, in materia di scarichi sul suolo, pur nel principio generale di divieto degli scarichi di acque reflue sul suolo o negli strati superficiali del sottosuolo, prevede delle eccezioni allo stesso nei casi «di eccessiva onerosità a fronte di benefici ambientali conseguibili»;
l'abrogazione dello scarico in condotta sottomarina eliminerebbe l'immissione di reflui ricchi di nutritivi, scongiurando l'alterazione ambientale connessa alla proliferazione abnorme di alghe con conseguenti processi di eutrofizzazione e danni incalcolabili all'ecosistema marino ed agli interessi turistici delle marine di Manduria, Maruggio ed Avetrana;
la proposta dei pozzi sperdenti antintrusione salina e del riutilizzo dei reflui in agricoltura è stata condivisa dal servizio tutela delle acque, (rif. riscontro nota prot. A00-075/3586 del 2 agosto 2012), ma, senza alcuna motivazione tecnica e scientifica, è stata esclusa dalla regione Puglia ogni eventuale nuova proposta di modifica del recapito finale alternativo al mare con condotta, laddove non già oggetto di valutazione nell'ambito del procedimento VIA (lettera al Sindaco di Manduria, prot. n. A00 021 7140 del 21 ottobre 2013) –:
nell'ambito delle proprie competenze con riferimento alla problematica esposta in premessa, quali opportuni provvedimenti di competenza intendano assumere a tutela dell'ecosistema marino dell'area costiera SIC di Specchiarica e delle marine di Manduria e di tutta la zona. (4-05692)