• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02598-AR/0 ... premesso che: il recente sanguinosissimo conflitto nella striscia di Gaza ha provocato migliaia di morti e feriti, in particolare tra la popolazione civile; la tregua attuale,...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02598-AR/002presentato daAMENDOLA Vincenzotesto diMercoledì 17 settembre 2014, seduta n. 292

La Camera,
premesso che:
il recente sanguinosissimo conflitto nella striscia di Gaza ha provocato migliaia di morti e feriti, in particolare tra la popolazione civile;
la tregua attuale, faticosamente raggiunta anche grazie alla mediazione egiziana, non ha risolto i nodi di fondo politici e di sicurezza alla base delle tensioni e rischia di rivelarsi temporanea e transitoria come in molte altri casi precedenti;
il riacutizzarsi della questione palestinese minaccia ulteriormente la stabilità di un'area già infiammata dalla guerra civile siriana e, non molto lontano, dalla nascita del sedicente Califfato dell'IS e dalla crisi dello stato iracheno;
da più parti è stata proposta, anche dai firmatari del presente ordine del giorno, la costituzione di una forza internazionale sul modello della Missione UNIFIL in Libano, da dispiegare sul territorio della striscia di Gaza con l'obiettivo di assicurare la tregua, consentire il disarmo delle milizie palestinesi, riaprire i valichi di frontiera, evitando quindi che lo Stato israeliano inauguri una nuova lunga fase di occupazione;
la stessa Unione europea, nelle conclusioni del vertice di giugno, si è detta disposta a contribuire alla soluzione della crisi di Gaza ripotenziando se necessario, la missione europea EUBAM al valico di Rafah;
alla proposta ha fatto riferimento anche il Ministro degli Esteri italiano auspicando si creassero i presupposti politici e di sicurezza minimi per concretizzarla;
lo stesso Ministro degli esteri israeliano Avigdor Liberman, intervistato da un giornale tedesco, si è detto favorevole alla presenza di ispettori europei ai valichi di confine della Striscia di Gaza sull'esempio della già citata missione EUBAM,

impegna il Governo

a sostenere con determinazione nelle sedi europee e internazionali un approfondimento della fattibilità politica e tecnica della proposta di costituzione di una forza internazionale di pace e monitoraggio dei confini e del rispetto della tregua, sotto egida ONU, lavorando attraverso ogni canale politico e diplomatico perché se ne realizzino le condizioni.
9/2598-A-R/2. Amendola, Gentiloni Silveri, Quartapelle Procopio.