• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/00065 BONFRISCO, FERRARA Mario - Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro dell'economia e delle finanze - Premesso che: ormai da mesi è in discussione, con ampia risonanza...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-00065 presentata da ANNA BONFRISCO
martedì 16 aprile 2013, seduta n.013

BONFRISCO, FERRARA Mario - Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro dell'economia e delle finanze - Premesso che:

ormai da mesi è in discussione, con ampia risonanza mediatica, il progetto di trasformazione in società per azioni "ibrida", avanzato su iniziativa del consiglio di gestione, della più antica banca cooperativa milanese, la banca Popolare di Milano, i cui soci saranno chiamati a votare in un'imminente assemblea sul passaggio dall'assetto cooperativo ad un non meglio precisato modello di società per azioni ibrida;

il progetto diffuso alla stampa, peraltro illustrato sommariamente, prevede un rinnovamento radicale della BPM da conseguire attraverso 3 operazioni: un aumento gratuito di capitale, nella misura del 10 per cento del capitale sociale, che verrebbe assegnato ai dipendenti della banca; la costituzione di una fondazione con le finalità di erogare servizi socio-assistenziali alle famiglie dei dipendenti ed ex dipendenti della banca; la trasformazione della forma giuridica della BPM in società per azioni;

stando alle dichiarazioni dei proponenti, l'adozione del modello della società per azioni sarebbe necessario sia per favorire un accesso più efficiente al mercato dei capitali, sia in quanto la forma cooperativa impedirebbe la pianificazione di soluzioni di lungo termine considerate necessarie per affrontare il nuovo contesto competitivo;

la BPM, nonostante la notevole dimensione che la colloca tra i primi 10 intermediari italiani, è tuttora una banca a forte vocazione localistica, con poco meno del 45 per cento dei propri sportelli presenti nella provincia di Milano e con circa il 62 per cento della rete distributiva in Lombardia;

il gruppo BPM negli ultimi 3 anni ha destinato mediamente oltre 6,3 milioni di euro all'anno per finanziare iniziative in favore delle comunità di riferimento;

sulla base di quanto riportato nel documento, invece, a seguito della trasformazione in società per azioni, soltanto l'1 per cento del risultato d'esercizio sarà destinato ad iniziative sociali in favore del territorio;

considerato che a giudizio dell'interrogante:

affermare che la forma giuridica della cooperativa costituisca un impedimento alla pianificazione di soluzioni di lungo termine è quanto meno singolare e certamente in contrasto con quanto comunemente accettato dall'analisi economica: sono proprio la governance cooperativa ed il legame sociale con le comunità di riferimento ad assicurare la stabilità della visione gestionale svincolata dalla ricerca di obiettivi di breve termine tipici delle società per azioni, spesso controllate da una ristretta cerchia di investitori individuali, attenti ad interessi più immediati;

se i vantaggi di governance connessi alla trasformazione della banca Popolare in società per azioni sono dunque tutti da dimostrare, i vantaggi finanziari di pochi e a brevissimo termine sono evidentissimi, in particolare per i due grandi investitori Andrea Bonomi con Investindustrial (8,6 per cento del capitale) e Raffaele Mincione con Time & Life (8,3 per cento del capitale), i cui possessi sono peraltro veicolati attraverso non meglio identificate società offshore, considerato che una volta trasformata in società per azioni la banca è destinata ad essere facilmente scalabile, magari da investitori esteri, con conseguenti manovre speculative;

risulta evidente, allora, che il progetto, anziché stimolare lo sviluppo di un efficiente mercato creditizio e finanziario per le imprese locali porterebbe solo ad un drastico sfruttamento del territorio per favorire realtà ritenute più profittevoli anche se molto più rischiose e prive di sicura valenza sociale, con conseguenti rilevanti danni all'economia reale,

si chiede di sapere di quali notizie disponga il Governo e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda assumere a tutela dell'economia reale nonché dei soci e dei clienti bancari della banca Popolare di Milano.

(4-00065)